Condividi su

Archivio

Letto per voi

Amsterdam incentiva l’impatto zero

La città di Amsterdam ha recentemente inaugurato un programma di incentivi per l’acquisto di taxi, furgoni, autocarri e autobus a emissioni zero; verranno stanziati € 2.000.000 per i veicoli commerciali e € 1.000.000 per i taxi. Le sovvenzioni riguardano sia veicoli nuovi sia quelli usati, a patto che per ogni veicolo non inquinante acquistato ne venga radiato uno alimentato con combustibile fossile. I sussidi valgono sia per l’elettrico sia per l’idrogeno, e possono essere applicati anche ai contratti di leasing; nell’ultimo caso vengono sovvenzionate le imprese con sede ad Amsterdam o quelle che utilizzano diversi veicoli circolanti nella capitale olandese. A gennaio di quest’anno è partito anche un programma di incentivi per i privati residenti ad Amsterdam che abbandoneranno i loro vecchi veicoli diesel.

FONTE: INFO GARAGE 12/2019

La Cina promuove il recupero dei pfu

Secondo l’associazione cinese CTRA (recupero pfu), la Cina ha accumulato nel 2019 oltre 300 milioni di pfu non avviati al recupero. Il ministro cinese dei trasporti ha perciò varato un programma che prevede l’incremento del tasso di recupero tramite l’acquisizione di tecnologie quali la piroscissione, l’accresciuto impiego di polverino di gomma e asfalto gommato, nonché la combustione nei forni da cemento. CTRA stima che il recupero dei 13 milioni di tonnellate di pfu generati ogni anno creerà un indotto del valore di oltre 14,2 miliardi di dollari. 

FONTE: E-NEWS TYRE & RUBBER RECYCLING

17/12/2019

Le frane minacciano la rete stradale norvegese

I dati pubblicati da Statens Vegvesen (agenzia governativa norvegese responsabile delle strade pubbliche nazionali e regionali in Norvegia) rivelano che la rete stradale nazionale è seriamente minacciata dal fenomeno delle frane. Sono infatti 250 le zone ad alto rischio e ben 650 quelle a medio rischio di smottamento. Il governo norvegese interverrà con un programma di miglioramenti alle infrastrutture stradali i cui costi si aggirano sui 7,14 miliardi di euro.

FONTE: E-NEWS WORLD HIGHWAYS 22/1/2020

Sicurezza stradale a rischio in Brasile

DNIT (Ministero brasiliano dei trasporti e delle infrastrutture) e iRAP (Programma internazionale di valutazione delle strade) stanno collaborando nell’ambito del Programma di valutazione delle strade brasiliane (BrazilRAP) per incrementare la sicurezza delle infrastrutture stradali locali e ridurre così l’attuale tasso di mortalità (47.000 utenti della strada l’anno). Raggiungendo una valutazione di sicurezza di 3 o più stelle sul 75% delle strade brasiliane entro il 2030, il numero annuo di incidenti letali diminuirebbe di 17.000 unità.

FONTE: WORLD HIGHWAYS NOVEMBRE-DICEMBRE 2019 

Autocarri e bus verdi per gli USA

Negli USA, California, Connecticut, Maine, Massachusetts, New Jersey, Oregon, Rhode Island, Vermont e Washington D. C. hanno firmato una dichiarazione di intenti per accelerare il processo di elettrificazione dei trasporti (autocarri e bus). L’iniziativa è guidata da Northeast States for Coordinated Air Use Management (associazione che controlla la qualità dell’aria negli stati nordorientali degli USA) e da California Air Resources Board (ente californiano che si batte contro l’inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico). I succitati stati americani riconoscono che entro il 2050 quasi tutti i nuovi veicoli in circolazione dovranno essere elettrici per arrivare a un’effettiva riduzione dei gas serra. Al riguardo, il presidente di CARB Mary Nichol ha dichiarato che gli autocarri sono i principali responsabili dell’inquinamento atmosferico nel paese, specialmente nelle città, dove sono elencati fra le maggiori fonti di emissioni tossiche nei quartieri disagiati.

FONTE: HEAVY DUTY TRUCKING 1/2020