Condividi su

Archivio

Letto per voi

Il virtuosismo ecologico non ha prezzo

Le autorità comunali della città tedesca di Saarbrücken si sono rese protagoniste di un bell’esempio di virtuosismo ecologico: a novembre del 2017, infatti, hanno fatto rimuovere 106 tonnellate di pfu (pari a circa 15.000 unità) da una discarica locale, sobbarcandosi i costi (circa 20.000 euro) necessari per lo smaltimento.

FONTE: E-NEWS TYRE AND RUBBER RECYCLING 6/9/2018

La ricostruzione vietnamita è pronta per il decollo

La ricostruzione in Vietnam è ancora allo stato primitivo; il paese vanta 13-14 ricostruttori, ma non tutti hanno attrezzature e metodologie di lavoro adeguate. Inoltre, il montaggio di ricostruiti sugli autobus delle compagnie di trasporti pubblici è vietato dalla normativa vigente (i principali acquirenti sono infatti le compagnie private), e manca ancora un’associazione che difenda o rappresenti i diritti dei ricostruttori. Tuttavia, la costruzione (in programma) di un’autostrada che unirà la parte settentrionale del paese a quella meridionale, e una cooperazione volta a emendare la normativa, avviata da alcuni esponenti di spicco dell’industria del pneumatico con il governo e le compagnie di autobus, potrebbero favorire il repentino decollo del settore.

FONTE: RETREADING BUSINESS 3/2018

Il cambiamento climatico preoccupa gli svedesi

Trafikverket, l’ente svedese dei trasporti, sta prendendo misure per contrastare l’impatto del cambiamento climatico sulle strade nazionali. È infatti in corso, a livello nazionale, un sondaggio che mira a individuare i punti più vulnerabili della rete stradale su cui effettuare interventi di upgrade. Le ricerche svolte mostrano che gli eventi metereologici hanno subito un cambiamento radicale e che è aumentato il rischio di allagamenti causati dalle piogge abbondanti che spesso si verificano in estate e in autunno. Si dovranno quindi installare nuovi sistemi di drenaggio per impedire l’erosione del suolo.

FONTE: E-NEWS WORLD OF HIGHWAYS 13/9/2018

Guadagna stabilità il ricostruito uruguaiano

Secondo cifre rese note dall’associazione uruguaiana dei ricostruttori, il mercato del ricostruito, dopo il tracollo subito nel 2015, (è passato da 4,3 milioni di dollari nel 2014 a 2,4 milioni di dollari nel 2016), ha intrapreso il cammino verso la stabilità e la crescita nel 2017 (2,7 milioni di dollari). L’Uruguay vanta 9 aziende di ricostruzione (eseguita esclusivamente a freddo) che operano in un piacevole clima di cooperazione reciproca per favorire la sopravvivenza del settore.

FONTE: RETREADING BUSINESS 3/2018

Ampliamento per il Tunnel delle Caravanche

È iniziata la costruzione della seconda galleria sotto la catena montuosa delle Caravanche, sul confine fra Austria e Slovenia, sovvenzionata in parte dalla Commissione Europea. Il traforo era stato inaugurato nel 1991, ma allora, dati i ridotti volumi di traffico, si era pensato di realizzare solo un binario (anziché una galleria in entrata e una in uscita dalla Slovenia, come prevedeva il progetto iniziale). Il cantiere rimarrà aperto per 5 anni, dopodiché si procederà alla ristrutturazione del vecchio tunnel, convogliando il traffico lungo il nuovo binario. Si calcola che il tunnel sarà accessibile da entrambi i binari alla fine del 2025.

FONTE: E-NEWS WORLD HIGHWAYS 9/8/2018 + IL PICCOLO 1/2018