Condividi su

Archivio

Letto per voi

AMPLIAMENTO DELLA RETE STRADALE IN POLONIA

 

Il governo polacco investirà circa 31,61 miliardi di euro per ampliare di 3.268 km la rete stradale nazionale entro il 2025. Il progetto include 252,2 km di autostrade, 2.641 km di strade a doppia carreggiata e oltre 369 km di tangenziali.

FONTE: E-NEWS WORLD HIGHWAYS 22/1/2018

RETREAD INSTEAD DIFENDE IL RICOSTRUITO USA

 

Il programma Retread Instead, creato da un pool di ricostruttori statunitensi in difesa degli interessi del ricostruito autocarro Made in USA, ha lanciato una campagna, dal titolo eloquente “Dear United States Senator” (è infatti rivolta ai senatori dei vari states americani) per caldeggiare l’imposizione di tariffe e dazi antidumping, nonché di dazi compensativi, sui pneumatici autocarro importati negli USA dalla Cina. La campagna si propone di salvaguardare gli oltre 60.000 posti di lavoro minacciati dall’importazione massiva di pneumatici autocarro e bus cinesi, che essendo assolutamente inadatti alla ricostruzione, finiscono inevitabilmente nelle discariche locali, compromettendo un ecosistema che può essere invece tutelato tramite la conservazione delle risorse naturali garantita dalla ricostruzione.

FONTE: E-NEWS RETREADING BUSINESS 24/1/2018

ESPORTATI E ABBANDONATI...

 

A testimonianza del triste fenomeno delle esportazioni semiclandestine di pfu verso i paesi in via di sviluppo, riferiamo quanto accaduto nei seguenti paesi:

•          MALAYSIA: Le autorità portuali di Port Klang hanno investito 25 milioni di myr (oltre 5 milioni di euro) per ripulire l’area del porto dalle centinaia di container contenenti pfu esportati e abbandonati. Nel 2016 la Malaysia ha esportato 163.622,4 tonnellate di derivati della plastica e della gomma, importandone però 287.673,3 tonnellate. L’associazione locale dei consumatori invoca ora l’imposizione di un divieto sulle importazioni di rifiuti di plastica e di gomma, per impedire che la Malaysia diventi un paese-discarica.

•          PAKISTAN: Le autorità doganali pakistane hanno deciso di mettere all’asta attrezzature usate e rifiuti abbandonati nel porto locale di Muhammad Bin Qasim, fra i quali spiccano oltre 100 tonnellate di pneumatici usurati e pfu.

FONTE: TYRE AND RUBBER RECYCLING 4/2017

ARGENTINA E SVIZZERA COOPERANO PER IL RECUPERO DEI PFU

 

L’ambasciatore svizzero in Argentina (Hanspeter Mock) e il governatore della provincia argentina di Mendoza (Alfredo Cornejo) hanno discusso l’esecuzione di un progetto fra i rispettivi paesi per un recupero proficuo dei pfu che possa scongiurare il rischio di epidemie quali la Dengue e la Zika. Il progetto è considerato molto importante per l’Argentina, che ospita il maggior numero di cittadini svizzeri (oltre 16 mila residenti) di tutto il Sudamerica.

FONTE: TYRE AND RUBBER RECYCLING 4/2017

PROGETTO TITANICO PER L'AUSTRALIA

 

La città di Perth (Australia) inaugurerà a giugno di quest’anno il primo stabilimento di recupero pneumatici otr al mondo. Il progetto nasce da una collaborazione tra le due aziende australiane Tytec Logistics, fornitrice di servizi di logistica e stoccaggio per otr, e Green Distillation Technologies, che ha brevettato un procedimento di “distillazione distruttiva” in grado di convertire i pfu in petrolio, carbonio e acciaio. Lo stabilimento avrà una capacità di 5.000 tonnellate di otr l’anno, che genereranno oltre 2 milioni di litri di petrolio, circa 2.000 tonnellate di carbonio e 1.000 tonnellate di acciaio. Secondo stime nazionali, in Australia vengono generate annualmente circa 155.000 tonnellate di pfu otr, e il 79,4% di esse viene abbandonato nell’ambiente. In assenza di valide alternative per il recupero di pfu otr, il “tradizionale” metodo di smaltimento finora seguito consiste nel seppellirli in un’area adibita a discarica presente nei diversi siti minerari, o in un’area designata dal locale ente per la protezione ambientale.

FONTE: TYRE AND RUBBER RECYCLING 4/2017