Condividi su

Articoli - Archivio

05/03/2012
VIAGGIARE IN ECONOMIA

MONDO TRUCK
Diversi sono i fattori che possono entrare in gioco per diminuire i consumi di carburante. Lo hanno capito bene le grandi case costruttrici di mezzi pesanti, attivandosi per dotare i loro camion con nuovi pacchetti e misure di risparmio

Fabio Quinto

LA CRESCITA CONTINUA del prezzo del gasolio rischia di mettere sul lastrico l’autotrasporto italiano. Un problema oramai non più eludibile dal punto di vista politico. Ma, per risolverlo o almeno arginarlo, si possono adottare anche alcuni accorgimenti tecnici. Come? Basta innanzitutto “copiare” dalle case costruttrici che hanno creato per i loro trattori stradali dei pacchetti in grado di abbattere notevolmente i consumi. Basti pensare all’Iveco Ecostralis, al Man Tgx Efficient Line, al Renault Premium e Magnum Optifuel e anche alla versione economica del Nuovo Actros di Mercedes-Benz, fresco vincitore del titolo di Truck of the year 2012. Innanzitutto hanno abbassato la velocità massima del limitatore da 90 a 85 km/h. Con il traffico congestionato delle strade italiane – ma anche di alcune arterie europee – in una giornata si percorrono infatti appena 38 km in meno, come ha recentemente affermato uno studio della Man. Ma il risparmio di carburante è davvero notevole: ben 19 litri in meno, come certificato dalla stessa casa tedesca. A fare la differenza non è solo il minor sforzo richiesto al motore, ma anche l’aerodinamica. Procedendo a 89 km/h anziché a 85, infatti, la resistenza aerodinamica aumenta del 10%.

I truck economici possono però costituire l’ispirazione anche per uno stile di guida diverso. Il cambio automatizzato Euro Tronic dell’Iveco Ecostralis, ad esempio, è dotato di un software che consente i cambi di marcia solo al di sotto dei 1.500 giri, impedendo il kick-down (vale a dire il cambio di marcia indotto da un “affondo” sul pedale dell’acceleratore) da parte dell’autista. Una strategia che gli autisti più accorti possono replicare anche sui cambi manuali o automatizzati sprovvisti di questo software. 

Attenzione anche alla scelta del veicolo: i truck economici optano infatti per il downsizing, con potenze comprese tra i 420 e i 480 cv (solo l’Ecostralis arriva a 500 cv). Questo, oltre a ridurre i consumi in sé, comporta anche una riduzione di peso su tutta la catena cinematica. 

Fondamentale, poi, la scelta del pneumatico. In questo caso il parametro chiave è la bassa resistenza al rotolamento. Non solo, anche la pressione è molto importante per ridurre il consumo di carburante. Occhio quindi a tenerla sempre sotto controllo: a dare una mano, in questo caso, può essere il sistema di monitoraggio della pressione di cui sono dotati non a caso diversi camion a basso consumo presenti sul mercato.

Anche la scelta del lubrificante giusto incide sui consumi, grazie alla scelta di prodotti in grado di ridurre gli attriti. Senza deviare dalle indicazioni del libretto uso e manutenzione, sarà quindi più utile scegliere gradazioni di viscosità più basse. Già oggi si nota infatti una diminuzione di 10W-40, 15W-40 e 20W-50; e un aumento di 5W-30 e 5W-40, con una crescita sempre più marcata perfino degli 0W-30 e 0W-40. Con basi sempre migliori, sintetiche e non minerali.

Non sfuggono ai “comandamenti” anti crisi nemmeno gli assali. In caso di disallineamento sia di quelli del trattore stradale che del semirimorchio, i consumi di gasolio possono salire del 2% anche per un solo grado di differenza.

Infine, il semirimorchio. Il principio base è quello della massima continuità aerodinamica con il trattore stradale, ottenibile regolando correttamente sia lo spoiler superiore che i profili laterali. Se si usa un centinato, poi, occorre controllare che il telo sia ben teso. E, in ogni caso, assicurarsi che il carico sia sempre ben distribuito.

La differenza fondamentale, alla fine, la fa però l’autista: per questo ormai da anni le case costruttrici mettono a disposizione dei corsi di guida economica, in grado di migliorare ulteriormente le performance della propria flotta.

torna all'archivio