Condividi su

Articoli - Archivio

04/07/2014
UN CARO SALUTO AL "RAGIONIERE"

È scomparso Luigi Degli Esposti 

 

Fondatore di AIRP e profondo innovatore in tutto ciò che ha realizzato, ha lasciato un’impronta indelebile nel mondo del pneumatico con quel suo stile unico che ha unito professionalità e passione

 

Renzo Servadei

Il 25 aprile scorso, circondato dall’affetto dei suoi cari, si è spento all’età di 82 anni il Ragioniere Luigi Degli Esposti, figura unica nel mondo del pneumatico.

 

Profondo innovatore, già giovanissimo ricoprì ruoli dirigenziali in un’importante industria della ricostruzione dei pneumatici. Nei primi anni Sessanta lasciò questo ruolo per gettarsi in un’attività per i tempi ben più che pionieristica, quella di creare, in qualità di Segretario, l’Associazione dei Ricostruttori di Pneumatici, l’AIRP che fondò nel 1963. A quei tempi la ricostruzione di pneumatici era un settore in profondo sviluppo: negli anni d’oro in Italia vi erano più di 350 aziende.

 

Ai ricostruttori diede - allora era possibile - un listino associativo, un contratto nazionale di lavoro e intraprese una lunga battaglia per determinare quella che lui chiamava “discriminante qualitativa” affinché le regole sulla qualità del ricoperto diventassero sempre più stringenti. Dopo l’AIRP, nel 1970 nella segreteria comune si aggiunse Federpneus, l’Associazione dei Rivenditori Specialisti di Pneumatici. Anche in questo caso il suo lavoro fu tutto teso a favorire la crescita professionale della categoria con particolare riferimento alla valorizzazione delle prestazioni che, come diceva il Ragioniere, sono il vero “prodotto” del rivenditore specialista.

 

Nel 1976 alla Segreteria interassociativa si aggiunse l’AICA Associazione Costruttori di Autoattrezzature. Anche allora l’industria italiana era fortissima, ma in molti casi questa forza non era pienamente conosciuta. Oggi non è più così, ma allora molte aziende operavano come produttori di attrezzature che venivano vendute con marchi stranieri. Per lunghi anni il Ragioniere fu anche segretario della FIR, l’Associazione dei Rettificatori.

Di successo anche le attività nate dal nucleo storico delle associazioni, tra le quali un posto speciale occupa proprio la rivista Pneurama, della quale è stato a lungo non solo Direttore Responsabile, ma anche anima e redattore. Il Ragioniere ha sempre avuto un rapporto particolare con la rivista, della quale amava anche scrivere numerosi articoli, alcuni firmati da lui, altri con pseudonimo, ma con un’impronta unica che li rendeva comunque riconoscibili come suoi. Il tutto nasceva infatti da un profondo amore per il settore, per quel “profumo della gomma” che o si odia o si ama e che il Ragioniere sentiva come suo. Oggi, in momenti dove l’etica lascia il posto al calcolo, Pneurama segue ancora “paletti” indicati dal Ragioniere. Dalla sua fondazione Pneurama è una delle poche riviste al mondo che rinuncia agli incassi della pubblicità in copertina preferendo invece foto artistiche, ogni anno di tema diverso, proprio per evitare di sovraesporre questo o quel marchio e rimarcare l’indipendenza della pubblicazione.

 

Da questa chimica associativa nacque anche la fiera, prima con il nome di SARP - SIAC, poi Autopromotec, che il Ragioniere guidò sia negli anni pionieristici che nel periodo dello sviluppo, fissando principi che ancora oggi sono alla base del successo della rassegna. Quando lasciò la manifestazione infatti, nel ricordare come i cicli economici prevedono una nascita, una crescita, una maturità e un declino, raccomandò a chi ne prese il testimone di prevederne un ulteriore sviluppo al fine di evitare la quarta fase. È difficile descrivere il Ragioniere, un vero e proprio vulcano di idee, spesso in anticipo sui tempi, idee che ha portato avanti con piglio e passione. Passione che sapeva portare anche nei rapporti umani ed è proprio questo aspetto che più ci mancherà del “Ragioniere”, Uomo unico, e non solo nel mondo del pneumatico.

Abbiamo ricevuto decine di mail e telefonate che ricordano Luigi Degli Esposti, e senza volere fare torto a nessuno abbiamo deciso di pubblicarne una per tutte, quella di Guido Testa, una delle penne più originali della rivista che molti ricorderanno per la sua rubrica “Taccuino indiscreto”. La società Promotec ha inoltre deciso di istituire una borsa di studio per studenti meritevoli intitolata al suo nome. Un nome che merita di essere ricordato.  

 

 

 

CIAO GIGI, 

 

sono trascorsi più di quarant’anni da quando ci siamo conosciuti. Venivo dal mondo della finanza e lì ho fatto ritorno, ma dopo aver trascorso vent’anni nel campo del pneumatico, a tuo stretto contatto, anche per la lunga collaborazione con Pneurama.

Ho visto nascere e crescere le tue creature: AIRP, AICA, FEDERPNEUS e PROMOTEC, il fiore all’occhiello che ti ha dato successo e soddisfazione. Il tuo impegno per il settore è stato esemplare.

La tua immagine, la tua figura professionale ne è stata la bandiera, che ha beneficiato della tua luce riflessa. Ricordo con tanto piacere le due rimpatriate con i cari amici comuni potendo finalmente accoglierti a Genova, dopo i tanti incontri in quel di Bologna dove si lavorava sodo, ma uniti da una giovanile goliardia.

Te ne sei andato in un paese lontano, impedendoci di porgerti l’ultimo saluto come tutti avremmo desiderato, ma ci è di grande conforto sapere che ti erano a fianco il tuo caro Gabriele e la dolce Anna. Sic transit gloria mundi, scriveva Manzoni, quando un Grande lascia per sempre. Così è la vita. 

Ma a me e agli amici della vecchia guardia (che l’età induce ai ricordi) mancherai molto.

 

Guido Testa

 



torna all'archivio