Condividi su

Articoli - Archivio

08/07/2019
Trofei GiPA dell'eccellenza, premiate dieci aziende

Riconoscimenti

 

La quindicesima edizione all’insegna della sostenibilità e dell’innovazione

Nicoletta Ferrini

Nel vasto e competitivo oceano dell’aftermarket automotive emergere non è facile. Per questo vale la pena premiare chi riesce a farlo con evidente successo sul mercato. Da quindici anni GiPA, realtà riconosciuta a livello mondiale per l’esperienza nelle ricerche di mercato nel settore, offre un riconoscimento all’eccellenza italiana, premiando le persone, le aziende e i progetti che, nel corso dell’anno, si sono distinti nel panorama del postvendita nazionale. Per l’ottava volta di seguito, Autopromotec è stato il palcoscenico della cerimonia di premiazione dei Trofei GiPA dell’Eccellenza, organizzati da GiPA Italia. Dieci i premi consegnati per altrettante categorie: dalle strategie all’innovazione e digitalizzazione, dall’attenzione al cliente e all’ambiente fino alla passione. Per “Contributo all’ambiente: l’anello mancante”, GiPA ha premiato GPS Motori per il programma “Officine Guasti Gravi”, una rete di officine specializzate, coordinate centralmente, che effettua interventi rapidi. Il riconoscimento per la categoria “Sostenere la filiera e guidare l’officina nell’era digitale” è stato, invece, assegnato alla Robert Bosch, che si è distinta per il contributo all’accelerazione del processo di digitalizzazione dei riparatori, grazie al software per la diagnosi ESI[tronic] 2.0 online. Nella categoria “Soddisfazione Reti OES”, la valutazione espressa dagli automobilisti italiani ha decretato l’assegnazione del premio a Opel Italia per i marchi generalisti e a BMW Italia per i premium. In termini di “Strategia di Sviluppo IAM - Distribuzione”, la migliore è risultata essere Experica per aver meglio tradotto la capacità della distribuzione indipendente italiana di crescere con le proprie forze e risorse, capitalizzando l’esperienza di due storiche aziende dell’aftermarket, Revarc e Tecnoautocar. Magneti Marelli Aftermarket ha ricevuto il premio “Strategia di Sviluppo IAM – L’Azienda Ibrida” per il rilancio di un marchio storico italiano con obiettivi chiari e massima flessibilità, raggiungendoli nel rispetto del concetto di “azienda ibrida”. Al gruppo di acquisto Groupauto Italia è stato invece riconosciuto, nell’ambito della categoria “Strategia di Sviluppo IAM – Distribuzione”, il merito di aver diversificato la propria offerta, accogliendo altre organizzazioni, nel rispetto delle singole identità, e restando aperto a tutte le opportunità disviluppo ulteriore. AIRP (Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici) si è aggiudicata il Trofeo GiPA per la categoria “Economia Circolare”, in virtù dell’impegno profuso nel sostenere la filiera del pneumatico ricostruito. Il “Coup de Coeur”, premio con cui il Comitato GiPA riconosce una personalità del mondo aftermarket distintasi per scelte vincenti e per il contributo alla crescita del settore, è stato assegnato a Lucio Bartiromo, per la sua “carriera fuori dal comune, inossidabile e di successo”. Il “Trofeo della Stampa” è andato, infine, a Marco Marlia di MotorK per la creazione della sua startup innovativa.

 

AIRP: LA RICOSTRUZIONE DEI PNEUMATICI PER SUPERARE IL MODELLO “USA E GETTA”

Stefano Carloni, presidente di Airp (Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici) ritirando il premio di GiPA ha commentato: “Con le misure anti-dumping introdotte è stato finalmente rimosso il più grande ostacolo che la ricostruzione ha avuto negli ultimi anni, permettendo quindi al pneumatico ricostruito di ritrovare la sua intrinseca competitività. Tuttavia, questo non significa ancora che l’industria della ricostruzione si sia salvata: molto lavoro ancora ci attende per promuovere e affermare un modello di economia circolare che superi definitivamente la pratica dell’usa e getta, conducendoci appieno nella mobilità del terzo millennio”.

torna all'archivio