Condividi su

Articoli - Archivio

21/08/2019
Triangle alla conquista dell'Europa

Innovare per crescere

 

Rinnovamento continuo della gamma, investimenti importanti sulla qualità, e la creazione della sede Europea (con un DNA tutto italiano) stanno portando l’azienda cinese a una forte crescita sul mercato del vecchio continente. I cinque nuovi pneumatici presentati quest’anno ne sono un esempio

Guido Gambassi

A due anni dalla creazione della sua filiale europea Triangle Tyre traccia un bilancio superiore alle aspettative, e investe in modo importante sul rinnovamento dell’offerta. L’evento organizzato a giugno al Circuito Internacional do Algarve, in Portogallo, finalizzato alla presentazione di quattro nuovi pneumatici introdotti sul mercato più un quinto per il quale sono state rinnovate gamma e mescola, è stato anche l’occasione per raccontare il percorso e le prospettive dell’azienda. Marchio conosciuto in passato soprattutto per i pneumatici OTR (segmento nel quale è il quarto produttore al mondo, con una quota di mercato in Europa che sfiora il 15%), Triangle ha visto un momento di svolta molto importante con la quotazione alla borsa di Shanghai nel settembre del 2016: da lì è partito il percorso di globalizzazione con la creazione di uffici in tutto il mondo per fare crescere il brand nei vari mercati e per espandersi con obiettivi ambiziosi anche nel segmento vettura (oltre a SUV, 4x4 e trasporto leggero). Al momento di nominare il general manager per l’Europa, la scelta dell’azienda cinese è ricaduta su Corrado Moglia, che nel 2017 ha creato a Milano la filiale europea, composta da un team di sei manager, in gran parte italiani: Angelo Giannangeli è infatti il direttore marketing europeo, Mirco Spiniella direttore dello sviluppo del business europeo, Roberto Pizzamiglio direttore vendite per il Sud Europa, Marian Gabris direttore vendite Est Europa e da qualche mese Luca Mai come direttore OTR. Per quanto riguarda la distribuzione in Italia Triangle ha da poco annunciato un accordo con Fintyre.

Grazie alla nuova organizzazione, il volume di vendite di Triangle in Europa, che era poco più di 300.000 pezzi nel 2016, è arrivato a sfiorare un milione di pneumatici nel 2018. Merito di diversi fattori: in parte sicuramente della scelta di accorciare le distanze fra la Cina e i clienti europei, che adesso si interfacciano direttamente con l’headquarter europeo a Milano che utilizza l’ufficio export a Weihai, in Cina, come backoffice, semplificando molto i rapporti e i flussi. C’è inoltre un forte impegno nel controllare attentamente la filiera, con l’obiettivo di tutelare il rivenditore che investe sul brand, proteggendolo dalle infiltrazioni che spesso disturbano il mercato. Ma buona parte del merito va anche al forte investimento dell’azienda sul rinnovamento dei prodotti e sull’innalzamento della qualità. Come spiega Corrado Moglia, gli stabilimenti produttivi di Triangle sono fra i più avanzati e automatizzati al mondo, tanto che un impianto di 500 dipendenti riesce a produrre 10 milioni di pneumatici l’anno, garantendo un livello qualitativo assolutamente costante; inoltre l’azienda è all’avanguardia anche sul fronte ambientale, poiché gli stabilimenti di ultima generazione permettono importanti risparmi di acqua e di energia durante la fase produttiva: “sono elementi importanti” spiega Moglia, “perché la Cina di oggi è già enormemente diversa da quella che era dieci anni fa, e questa svolta verso la qualità e la sostenibilità crediamo possa permettere di superare le resistenze che ancora ci sono verso i prodotti cinesi”.

Quanto al prodotto, la politica adottata da Triangle è quella di farsi strada sui diversi mercati puntando su un processo continuo di sviluppo, test e rinnovamento dell’offerta; i pneumatici PCR vengono sviluppati sia internamente nei centri R&D dell’azienda in Cina e negli USA, sia da un centro tecnico europeo con cui Triangle collabora, vengono sottoposti a lunghi periodi di test, i quali continuano anche dopo l’introduzione del prodotto sul mercato per permettere un costante aggiornamento e miglioramento del prodotto, specialmente in termini di mescole, come spiega Wayne Foster, general manager global marketing: “Triangle effettua un processo di test continuo durante l’intero ciclo di vita del prodotto, con l’obiettivo di migliorare le prestazioni e il posizionamento. Effettuiamo test in Finlandia e in Spagna, confrontandoci con un’ampia gamma di competitor. Dobbiamo convincere gli operatori del settore che siamo un fornitore stabile e affidabile”.

Ecco quindi i cinque nuovi pneumatici introdotti nel 2019, realizzati in soli due anni, che si propongono come prodotti “quality budget”. In alcuni casi sono delle estensioni di gamma, in altri prodotti lanciati ex novo. Si tratta di un prodotto vettura HP, un pneumatico SUV HP, un 4x4, un UHP per impiego più sportivo e infine un all season. Tutti già introdotti sul mercato a gennaio, a parte l’all season che è in vendita da luglio.

 

AdvanteX TC101

AdvanteX TC101 la novità di Triangle per la fascia High-Performance, che rappresenta la quota maggiore nel mercato dei pneumatici vettura. L’obiettivo del costruttore nello sviluppo del pneumatico è stato quello di migliorare le prestazioni del suo predecessore in termini di frenata su asciutto e bagnato e silenziosità; per questo, il lavoro di aggiornamento ha riguardato in particolare le mescole impiegate. Advantex TC101 è disponibile in 31 misure con calettamenti da 15 a 17 pollici, con codici di velocità H, V, W e Y e rapporto d’aspetto da 50 a 65.

 

AdvanteX SUV

AdvanteX SUV è un nuovo prodotto, dedicato in particolare a SUV di piccole e medie dimensioni. Progettato per incontrare la domanda crescente nel segmento di mercato che mostra la maggiore crescita in Europa, AdvanteX SUV è disponibile in 31 dimensioni dai 15 ai 19 pollici, che spaziano dalla 235/70R15 alla 255/50R19, con rapporto d’aspetto da 50 a 70 e codici di velocità dalla H alla Y. Il disegno del battistrada si caratterizza per le quattro scanalature longitudinali e per una sequenza ottimizzata dei blocchi.

 

GripX MT TR281

La novità di Triangle per il segmento 4x4 si rivolge ai fuoristradisti che vogliono spaziare dall’asfalto alle condizioni di off-road più estremo. Il battistrada presenta un disegno rinforzato dei blocchi sulla spalla, caratterizzato da ampi intagli obliqui studiati per offrire trazione anche sui terreni sabbiosi o fangosi, mentre per la spalla e il fianco Triangle ha previsto una costruzione rinforzata per proteggere il pneumatico dai possibili danneggiamenti. Il nuovo GripX MT è disponibile in sei dimensioni dai 15 ai 17 pollici di calettamento, rapporto d’aspetto da 65 a 85 e codice di velocità Q.

 

SeasonX TA01

SeasonX è un pneumatico all season nel portafoglio di un brand che mira ad espandersi sul mercato europeo, si tratta infatti di un prodotto completamente nuovo progettato appositamente per l’Europa da una società finlandese specializzata. La filosofia costruttiva è quella di un pneumatico con un aspetto summer in grado di offrire prestazioni invernali. Il disegno del battistrada presenta una zona centrale solida e una geometria laterale rigida studiata per ottimizzare le prestazioni di handling, mentre il disegno direzionale con intagli a V è stato sviluppato per facilitare l’espulsione di acqua e fanghiglia. La gamma comprende dimensioni di 14 ai 19 pollici, con rapporto d’aspetto da 35 a 70 e codici di velocità da T a W.

 

SporteX TH 201

Sportex TH201 è il pneumatico High Performance che Triangle propone per gli impieghi più sportivi. Il battistrada si presenta con un disegno asimmetrico, studiato per offrire un’ampia superficie di contatto a terra. Adatto alle auto di grande cilindrata e ai SUV, Sportex TH201 è disponibile in 54 dimensioni per vettura (per cerchi dai 16 ai 22 pollici, serie da 30 a 55 e codici di velocità da V a Y) e 9 dimensioni per SUV (dai 18 ai 24 pollici, con rapporto d’aspetto da 35 a 55 e codici di velocità da W a Y).

 

 

 

Intervista a Roberto Pizzamiglio, responsabile vendite per il Sud Europa

In occasione dell’evento di lancio in Portogallo, Roberto Pizzamiglio, che da ottobre 2017 è responsabile vendite per il Sud Europa di Triangle, racconta l’avvio dell’attività della filiale europea, il posizionamento del brand e le prospettive per il futuro.

Qual è il bilancio dei primi anni della filiale Triangle in Europa?

Senz’altro molto positivo: siamo cresciuti oltre le nostre previsioni, e anche per il 2019 prevediamo una crescita a doppia cifra - superiore al 30%. I primi cinque mesi dell’anno sono stati veramente incoraggianti. Stiamo avendo un riscontro molto positivo da parte dei nostri clienti, ed è un riscontro qualitativo: i pneumatici Triangle sono apprezzati a tutti i livelli della catena, i distributori continuano ad acquistarli e venderli, e anche i rivenditori hanno ottimi riscontri da parte dei consumatori. Oltre ai pneumatici vettura, SUV e trasporto leggero Triangle produce anche pneumatici autocarro e movimento terra, che in particolare è il core business storico del marchio. Siamo cresciuti tantissimo nel movimento terra nel 2017 rispetto al 2016, nel 2018 abbiamo consolidato i numeri dell’anno precedente, nel 2019 dovremmo riuscire a crescere ulteriormente.

Sul pneumatico vettura avete l’obiettivo di entrare anche nel segmento value?

No, per come vediamo noi il trend del mercato, l’utente finale è sempre di più alla ricerca di prodotti di qualità a un prezzo giusto, e il differenziale tecnologico che magari c’era in passato oggi si è molto ristretto. Il nostro posizionamento è questo, essere competitivi con prodotti di qualità, non abbiamo un competitor di riferimento al quale vogliamo tendere, vogliamo che Triangle sia competitivo sia per i nostri distributori che i rivenditori, e soddisfare le aspettative qualitative dell’utente finale.

La strategia di offerta pe i prossimi anni andrà a consolidare queste cinque famiglie

di prodotti?

Sì, abbiamo già un piano di sviluppo per i prossimi 10 anni e ci saranno tanti nuovi prodotti. Già il prossimo anno ci saranno nuovi lanci: avremo un nuovo prodotto van, un nuovo prodotto invernale direzionale, sempre nel 2020 ci sarà l’estensione di gamma dell’all season che a oggi ha 14 dimensioni e il prossimo anno diventeranno circa 30, c’è il nuovo pneumatico 4x4 AT All Terrain che arriverà tra agosto e settembre di quest’anno. Inoltre saranno rinnovati di volta in volta tutti i prodotti: nel 2021 lo SporteX che abbiamo provato oggi in pista, avrà già 5 anni, quindi stiamo già lavorando sul suo erede.

C’è un continuo rinnovamento di gamma ma anche un continuo aggiornamento dei prodotti esistenti, con miglioramento in particolare delle mescole. Ad esempio lo SporteX ha oggi una mescola diversa rispetto a quella che aveva al suo lancio nel 2016, ed è stata migliorata grazie ai test che vengono fatti in Europa, in particolare a Idiada in Spagna.

Nel piano dei prossimi 10 anni c’è un posto specifico anche per le motorizzazioni elettriche?

Sì, Triangle sta guardando con grande attenzione a questa evoluzione nel settore automotive, quindi ci saranno prodotti dedicati alle auto elettriche e alle ibride, che hanno dei parametri molto specifici - molto sfidanti - per quanto riguarda ad esempio la resistenza al rotolamento.

torna all'archivio