Condividi su

Pneurama Weekly

05/06/2018
The Tire Cologne chiude la sua prima edizione con 16.000 visitatori

The Tire Cologne tira le somme della sua prima edizione, che si è svolta nel quartiere fieristico di Colonia dal 29 maggio al 1 giugno scorsi: hanno partecipato alla manifestazione 533 imprese espositrici e altre 70 marche da 40 paesi, con oltre 16.000 visitatori specializzati, di cui quasi il 60% provenienti da 113 paesi. Numeri buoni quindi per una prima edizione, anche se il confronto con la precedente edizione di Reifen Essen (a cui The Tire si è posta in diretta concorrenza) evidenzia un certo calo di affluenza, notato anche da diversi espositori. Considerando però i diversi fattori di difficoltà (il lancio di una manifestazione inedita, la concorrenza con Reifen, intanto acquisita da Automechanika) sembrano aver ragione gli organizzatori a celebrare il successo di questa prima edizione, che offre al pubblico un quartiere nuovo e funzionale, ben organizzato e facilmente raggiungibile. Grande sforzo, inoltre, è stato riposto sui contenuti della manifestazione, con diversi eventi e momenti di incontro e approfondimento. “La nuova forza di The Tire Cologne, con le conferenze internazionali ‘Global Retreading Conference’ e ‘Future Tire Conference’ nonché l’estensione ai temi digitalizzazione, riciclaggio e gestione flotta, ha dato nuovi impulsi duraturi e riconfermato con vigore l’esattezza della nostra decisione a favore di Colonia come nuova piattaforma del settore.   Notevole, come prima manifestazione“, commenta Stephan Helm, Presidente dell’associazione tedesca del commercio dei pneumatici e dei vulcanizzatori (Bundesverband Reifenhandel und Vulkaniseur-Handwerk e.V., BRV).

Secondo un sondaggio, comunicano gli organizzatori, oltre l’80 percento dei visitatori specializzati si è mostrato molto soddisfatto dell’offerta espositiva di The Tire Cologne e oltre il 90 percento consiglierebbe la visita della manifestazione a partner d’affari. I visitatori hanno inoltre elogiato la chiara struttura di The Tire Cologne in padiglioni climatizzati. “Questi giudizi positivi c’incoraggiano a sviluppare ulteriori idee concezionali che rafforzano il settore per sfide future”, spiega Katharina C. Hamma, Chief Operating Officer di Koelnmesse.

Oltre ai segmenti dei pneumatici e delle ruote, servizi e attrezzature per autofficine, rigenerazione dei pneumatici nonché utilizzazione e smaltimento dei pneumatici usati, con l’integrazione di temi avveniristici come digitalizzazione, riciclaggio o gestione della flotta o parco veicoli, The Tire Cologne ha posto importanti accenti per l’ulteriore sviluppo del settore. Le presentazioni dedicate a questi temi e le tavole rotonde degli esperti nelle aree speciali di Digital Reality, nel Recycling Forum e nella Tire Fleet Lounge hanno avuto numerosi visitatori.

Organizzata e promossa da BIPAVER, l'Associazione europea delle industrie del settore di rigenerazione pneumatici, e da Koelnmesse, durante il primo giorno espositivo di The Tire Cologne si è tenuta la Global Retreading Conference, la conferenza internazionale per il settore di ricostruzione pneumatici. Relatori da tutto il mondo hanno presentato a circa 130 partecipanti una panoramica completa su tendenze e sviluppi decisivi del settore. La gamma di tematiche affrontate dalla conferenza spaziava da report sul mercato a best case, senza tralasciare innovazioni tecnologiche e condizioni politiche.

Anche il set-up della “Future Tire Conference” di due giorni ha saputo convincere gli oltre 110 partecipanti alla conferenza. I massimi esperti del settore hanno presentato i trend e gli sviluppi di maggior rilievo in ottica futura e hanno discusso delle possibilità e delle sfide per l'industria degli pneumatici. Anche qui tra i temi più importanti sono stati le implicazioni della digitalizzazione su design, produzione e fornitura dei pneumatici, ma anche sui progressi delle scienze dei materiali e delle tecnologie di lavorazione. Il programma della conferenza ha inoltre previsto anche discussioni su tendenze globali del mercato, centri di produzione efficienti, sostenibilità e le crescenti esigenze dei consumatori.

 - Archivio

torna all'elenco