Condividi su

Letto per voi - Archivio

28/06/2016
Tassa della discordia per la Malaysia

 

Il governo della Malaysia ha raddoppiato la tassa dei lavoratori stranieri nel settore manifatturiero, scatenando le proteste dell’associazione malese dei ricostruttori di pneumatici (TRMAM). Il settore della ricostruzione locale, infatti, è già fortemente penalizzato dal rallentamento dell’economia, dalle imposte sui beni e i servizi, dalla svalutazione della moneta locale e presto anche dal nuovo minimo salariale (in vigore da luglio di quest’anno), tutti fattori che rendono il paese poco attraente per i lavoratori stranieri. Un calo di manodopera (locale o straniera) metterebbe a repentaglio il futuro delle aziende ricostruttrici e farebbe lievitare i costi del prodotto finito.

FONTE: RETREADING BUSINESS 2/2016

torna all'archivio