Condividi su

Articoli - Archivio

07/03/2014
TUTTO QUELLO CHE IL TRASPORTO MEDIO PUÒ VOLERE

 

Nuovo Michelin X Multi D


Il produttore francese propone un nuovo pneumatico per garantire una mobilità sicura agli autocarri medi anche in condizioni climatiche avverse



Nicola Giardino

Destinato ai veicoli industriali sotto le 16 tonnellate, il pneumatico Michelin X Multi D è stato concepito e realizzato per fornire ai trasportatori ancora più sicurezza e mobilità. Gli autocarri di questo tipo, sono utilizzati al 75% da piccole società indipendenti e percorrono annualmente meno di 100.000 km. Per soddisfare la loro clientela devono poter garantire un servizio continuativo. L’affidabilità e la tranquillità sono perciò valori essenziali.


Il trasporto a collettame esige la continuità della puntualità a costi contenuti. Con l’utilizzo del nuovo pneumatico, Michelin intende dare una risposta all’esigenza del segmento medio di un pneumatico efficiente, in grado di garantire contemporaneamente sicurezza e longevità. Il Michelin X  Multi D è destinato a successo sicuro perché permette di muoversi in qualsiasi situazione, indipendentemente dal tipo di strada (regionale, urbana e suburbana) e dalle condizioni climatiche (neve, pioggia, ghiaccio e caldo).


Michelin ha dichiarato che nella progettazione del nuovo pneumatico ha incontrato non poche difficoltà a creare un compromesso ideale  tra le principali prestazioni, riuscendo a realizzarlo, grazie a nuove tecnologie. La fabbricazione di un pneumatico è un procedimento complesso che richiede attenta selezione dei materiali e abilità, allo scopo di migliorare continuamente l’equilibrio fra aderenza, trazione, comfort, rumorosità, durata, risparmio energetico e costi di utilizzo del prodotto. Il successo dipende dall’abilità e dalla cura con cui si riescono ad amalgamare oltre 200 componenti di un pneumatico moderno.


Un buon prodotto non può, però, limitarsi a garantire  una soddisfacente perfomance stradale; deve avere anche un bell’aspetto. Durante la progettazione di un veicolo, il disegno del battistrada deve essere gradevole perché le case auto lo richiedono ai fornitori di cerchi e gomme per contribuire a rendere il più attraente possibile l’immagine del veicolo nei saloni di esposizione e vendita e nella pubblicità. È in strada che il pneumatico deve dare il massimo. Il suo battistrada deve funzionare come una pompa, in grado di eliminare l’acqua che si frappone tra l’area di contatto e la superficie stradale; assicurando così aderenza al suolo. Più difficile è realizzare un pneumatico perché la scolpitura del battistrada e la struttura sono realizzate in modo speciale per garantire un comportamento migliore nel fango e nella neve fresca o bagnata.


Nate nel 1936 nell’Europa del Nord, le gomme invernali si riconoscono a colpo d’occhio per la scolpitura del battistrada a lamelle ovvero i sottili intagli in grado di formare numerosissimi spigoli che fanno presa sulla neve. Non si distingue a vista invece la mescola, diversa rispetto agli estivi, più morbida ed elastica. Inizialmente rumorosi e dalla guida incerta, i pneumatici invernali si sono perfezionati ed evoluti negli anni fino a permettere la realizzazione di prodotti come il Michelin X Multi D e altri in fase di studio e progettazione. Quanta strada è stata fatta da quando i fratelli Eduard e André Michelin, alla guida della loro Peugeot Eclair con motore Daimler, nel 1895 stupirono il mondo completando nei tempi previsti la Parigi-Bordeux-Parigi utilizzando pneumatici a camera d’aria contribuendo definitivamente a convincere anche gli scettici a convertirsi al comfort della morbidezza della camera d’aria, abbandonando le ruote a gomma piena.

 

CARTA D'IDENTITA' DEL NUOVO PNEUMATICO


X Multi D

 

• Nome: Michelin X Multri D17.5

 

Applicazione: veicoli commerciali di portata inferiore a 16 tonn.


• Misure: 215/75R 17.5 – 225/75 R 17.5 – 235/75 R 17.5 – 245/70 R 17.5


• Progettato per: aziende di trasporto  di persone o merci a collettame che percorrono meno di 100 mila km all’anno.


• Caratteristiche particolari: ideale per le mutate esigenze di una clientela che si muove in condizioni climatiche difficili su tutte le superfici stradali


• Marcatura: 3PMSF

 

Vantaggi:

  o   18% di percorrenza in più

  o   Prestazioni ottimali stabili tutto l’anno

  o   Ridotto consumo

  o   Rumorosità diminuita in fase di rotolamento soprattutto nei percorsi urbani


• Località di progettazione: centro tecnologico di Ladoux (Clermont-Ferrand) in Francia


• Località di produzione: stabilimento di Karlsruhe in Germania

 




CARATTERISTICHE TECNICHE DEL NUOVO PNEUMATICO


• Durata accresciuta

• Resistenza al rotolamento maggiorata

Lamelle a tutta profondità

Marcatura 3PMSF

Risparmio energetico

Silenziosità

Riscolpitura

 




IL GRUPPO MICHELIN IN CIFRE


69 siti di produzione ripartiti in 18 paesi

113.400 dipendenti in tutto il mondo

6.600 ricercatori dislocati su tre continenti

622 milioni di euro investiti in ricerca e sviluppo nel 2012

166 milioni pneumatici prodotti annualmente

21.5 miliardi di vendite nette nel 2012

 

 



IL GRUPPO E’ PRESENTE IN ITALIA CON:


• Sede legale di Torino

Direzione commerciale a Milano

Stabilimenti a: Alessandria – Fossano (To) – Cuneo – Torino Stura

torna all'archivio