Condividi su

Articoli - Archivio

27/04/2016
TOYO TIRE ITALIA CAMBIA MARCIA

Sviluppo aziendale

 

Il 2016 è un anno di profondi cambiamenti per l’azienda di Collesalvetti che si presenta con un nuovo amministratore delegato e cinque nuovi prodotti da introdurre entro l’anno sul mercato italiano

Paolo Ferrini

C’è del nuovo a Collesalvetti. In effetti, volendo parlare di Toyo Tire Italia, è quasi difficile decidere da che parte cominciare, tante sono le novità che l’azienda giapponese propone nel corso di questo 2016. Ci sono cinque nuovi pneumatici: l’Open Country U/T, il Proxes CF2 SUV, l Proxes R888R lo Snowprox S954 e il Celsius, C’è un nuovo amministratore delegato, il 53enne Fabio Merli, già direttore commerciale dell’azienda, con alle spalle importanti esperienze in Yokohama e Michelin. Ci sono 25 anni di attività in Italia da celebrare. E poi ci sono ovviamente i 70 anni del gruppo che il 1 Agosto 1945 iniziò la sua la grande avventura sotto la guida di Rikimatsu Tomihisa e che oggi con 34 milioni di pneumatici prodotti all’anno è la terza maggiore industria del settore nel paese del Sol Levante.

 

5 nuovi prodotti entro il 2016

«Abbiamo appena introdotto il nuovo Open Country U/T, un pneumatico che secondo noi rappresenta una scelta ottimale per tutti quei possessori di SUV di medie dimensioni – come, ad esempio, Nissan Qashqai, Mazda CX-5, Toyota RAV4 e VW Tiguan – che oggi vanno per la maggiore sul mercato italiano. È  disponibile in 20 differenti misure per cerchi da 16 a 18 pollici. Sempre ai SUV è destinato il nuovo Proxes CF2 SUV in 24 misure per ruote da 15 a 19 pollici. Avremo poi il nuovo R888R, una proposta molto speciale in quanto si tratta di un racing omologato per uso stradale che proporremo in 32 misure per ruote da 13 a 20 pollici. A Settembre» ci anticipa Merli «sarà poi la volta del nuovo Snowprox S954, un invernale ad alte prestazioni con battistrada asimmetrico che si affianca ai già noti S943 e S953 con 51 misure per ruote da 16 a 20 pollici. Quasi contemporaneamente arriverà il Celsius, un quattro stagioni anch’esso asimmetrico, per autovetture e per SUV che sarà inizialmente disponibile anch’esso in 51 misure da 16 a 20 pollici destinate a diventare 72 nel corso del il 2017. Crediamo davvero molto in questo prodotto, confortati dal successo che ha già riscosso negli Stati Uniti dove è disponibile dallo scorso autunno e dai buoni riscontri avuti con l’attuale Vario V2+, le cui vendite nel 2015 sono aumentate del 38% rispetto all’anno passato».

Tutti questi nuovi prodotti dovranno confrontarsi però con una concorrenza particolarmente ampia e agguerrita. Quali sono i punti di forza di Toyo Tires?

«Al primo posto metterei la tradizionale buona reputazione di un prodotto “made in Japan”» prosegue Merli. «Tutti i pneumatici Toyo Tires sono l’espressione finale di sofisticate tecnologie e di esclusive tecniche brevettate che precedono milioni di chilometri di test nelle condizioni più difficili. Questo è il caso, tanto per fare un esempio, del rivoluzionario sistema di simulazione T-mode che esamina ogni più piccolo aspetto del comportamento finale del pneumatico, dalla trazione ai suoi più piccoli movimenti, dai cambi di direzione alla frenata. In secondo luogo, metterei il fatto che pur essendo evidentemente un second brand, Toyo Tires ha la particolarità – forse addirittura l’unicità – di poter offrire i contenuti di un prodotto premium brand a prezzi quasi di un budget brand. E questo ci porta al terzo, ma come si suol dire non ultimo, fattore che è la nostra capacità di garantire una buona profittabilità ai nostri 900 rivenditori specializzati».

 

Focus sui rivenditori specializzati

L’attenzione verso i rivenditori specializzati fa tradizionalmente parte della politica commerciale di Toyo Tire Italia.

«Siamo sempre stati molto focalizzati sulla loro attività. Un paio di anni fa abbiamo creato uno speciale programma incentrato su Toyo Tires TAMP4, un pneumatico asimmetrico ad alte prestazioni per ruote da 13 a 18 pollici, che un gruppo di 147 selezionati rivenditori italiani può ricevere in esclusiva tramite containers diretti dalla fabbrica in Giappone con risparmi nell’ordine del 7-8%.

Per Toyo Tire Italia i rivenditori specializzati sono insomma interlocutori decisamente privilegiati.

«Assolutamente, sì. E non potrebbe essere diversamente visto che rappresentano il 95% del nostro fatturato aziendale. Per questo abbiamo in cantiere una serie di iniziative per sostenere localmente la loro attività non solo con strumenti finanziari specifici per facilitare il loro accesso al prodotto, ma anche con programmi di co-marketing volti ad accrescere la notorietà del marchio».

In questo contesto si inserisce un’ancora maggiore presenza pubblicitaria negli stadi italiani. Prendendo come spunto infatti l’esperienza acquisita attraverso l’accordo internazionale stipulato nell’Inverno 2013 dalla casa madre con l’A.C. Milan e quello con il Leicester City, quest’anno grande protagonista della Premier League inglese, Toyo Tire Italia da un lato ha raggiunto un accordo con Empoli F.C. e Torino F.C. per una presenza fissa all’interno dei rispettivi stadi Castellani e Olimpico, ma anche con Atalanta, Carpi, Chievo, Fiorentina, Genoa, Udinese in occasione di 19 “big match” nei quali il marchio Toyo Tires è abbinato fino alla fine della stagione 2015-2016 ad alcuni rivenditori locali.

L’obiettivo è sempre lo stesso: «Creare situazioni attorno al punto di vendita che facciano preferire il prodotto Toyo Tires». In questo contesto si inserisce anche l’iniziativa “Bike ToYou” che prevede presso i rivenditori specializzati la disponibilità di biciclette di cortesia che i clienti possono utilizzare gratuitamente durante l’intervento sulle loro vetture per spostarsi nei dintorni e fare piccole commissioni.

 

Questa è Toyo Tire Italia

Fondata nel 1991 come coraggiosa iniziativa di tre operatori privati e poi divenuta, nel 2007, società controllata al 100% da Toyo Tire & Rubber Company, Toyo Tire Italia SpA vende qualcosa come 610.000 pneumatici all’anno (35% invernali, 65% estivi e quattro stagioni), pari a un po’ più del 3% del mercato nazionale del settore, che corrispondono a un fatturato che sfiora i 30 milioni di euro.

Presso la sede di Collesalvetti sono ubicati anche un magazzino di 12.500 mq e piazzali recintanti di altri 10.000 mq con una capienza di 150.000 pezzi che rappresentano il secondo centro di smistamento e di distribuzione Toyo Tires in Europa. La vicinanza di un importante scalo come il porto di Livorno ne fanno un punto di riferimento strategico, mentre il suo posizionamento baricentrico e la collaborazione con i corrieri BRT e Fratelli Bianchi gli consentono di evadere nel giro di 24 ore gli ordini dei rivenditori.

 

Tecnologia in primo piano

I pneumatici Toyo Tires sono l’espressione di una tecnologia sofisticata. Ancor prima di affrontare milioni di chilometri di test nelle più difficili condizioni stradali, sono infatti il risultato dell’utilizzo di tecniche computerizzate brevettate in esclusiva. La simulazione di guida T-mode esamina, ad esempio, ogni più piccolo aspetto del comportamento finale del pneumatico, dalla trazione ai suoi più piccoli movimenti, dai cambi di direzione alla frenata, consentendo ai progettisti di anticipare i riscontri dei collaudatori.

L’esclusivo sistema CASPAN (Computer Aided Simulator of Pattern Noise) permette invece di combinare in uno stesso pneumatico le migliori caratteristiche possibili di resistenza all’aquaplaning, comfort di marcia e silenziosità. Il programma DSOCC II (Dynamic Stability Optimized Contact Theory) misura invece le tensioni esterne e la superficie di contatto con strada, riducendo le deformazioni della cintura e del tallone. Il sistema ADSATT (Automotive Dynamic Simulation to Advanced Tire Technology) permette infine di ottenere pneumatici in grado di rispondere in modo attivo a ogni fondo stradale, al variare degli stili di guida e della temperatura.

torna all'archivio