Condividi su

Articoli - Archivio

27/04/2016
SEMPERIT RILANCIA E GIOCA DURO

Pneumatici e trasporto pesante

 

Il marchio austriaco del gruppo Continental rilancia la sua presenza nel trasporto pesante. Qualità e robustezza

Massimo Condolo

“Semper It”, in latino “va sempre”. Così, nel 1906, venne battezzato il marchio austriaco di pneumatici che nel 1985 entrerà nel gruppo Continental. Da circa un anno Semperit ha iniziato il rilancio locale del brand. Lo ha fatto, come ha sottolineato il marketing director truck EMEA Daniel Gainza, in un momento di importanti cambiamenti per il mercato. Primo, in Italia si stima che la vita media delle coperture di questo tipo è calata del 7%, tanto che per fare lo stesso numero di chilometri servono oggi più cambi gomme di 10 anni fa. I dati degli altri paesi dell’UE storica non sono sensibilmente differenti da quelli italiani. Le ragioni possono essere molte, dalla scelta di modelli dal prezzo più attraente ma dalla qualità inferiore a quella di portare l’usura al limite, escludendo così la possibilità di essere ricostruite. Secondo aspetto, le massicce crescite dell’importazione dal Lontano Oriente, Cina in primis. L’anno scorso i paesi UE hanno importato 3.844 milioni di unità; la Russia (mercato molto diverso dall’UE, con una percentuale significativa di pneumatici a struttura tessile e non radiale) ha innalzato barriere doganali contro le gomme cinesi e altri paesi potrebbero fare altrettanto. 

 

Mercato in netta ripresa

Rispetto al 2014, nel 2015 in Europa si è venduto il 4% in più di pneumatici di ricambio e addirittura il 10% di quelli di primo equipaggiamento, segno di un pari incremento del mercato di camion nuovi. Italia e Spagna sono i mercati che registrano le crescite percentuali maggiori; il nostro paese lo scorso gennaio ha segnato un +18% rispetto allo stesso mese del 2016, mentre l’incremento di febbraio è stato dell’8%. La differenza tra i due mesi è in parte spiegabile con il riassortimento dei magazzini dei gommisti, operazione che si concentra solitamente all’inizio dell’anno. Questi dati economici positivi, sottolinea ancora Gainza, si innestano su un certo spaesamento della clientela finale. L’offerta, a causa della globalizzazione del mercato, è cresciuta a dismisura; confrontare le possibili alternative richiede un’analisi molto più approfondita che non in passato. Questo porta a una banalizzazione dell’offerta, che rischia di rendere diffidente il cliente finale. La differenza fra marchi premium e low cost è notevole, soprattutto in termini di prestazioni e in particolar modo per quanto riguarda la resistenza al rotolamento, che influenza circa il 30% dei consumi di un veicolo.

 

 

 

 


Il manager spagnolo Daniel Gainza,

per anni è stato direttore  marketing commercial

vehicle tires Italia ora è il nuovo marketing

director truck EMEA di Continental.

 

Clienti, aumenta la consapevolezza

In questo clima sta maturando l’interesse per una fascia che il management Continental definisce mass-premium: pneumatici dalle caratteristiche diverse da quelli premium ma di prestazioni, durata e qualità non inferiori. Il cliente chiede sì un risparmio immediato, ma non cede a compromessi qualitativi: è molto attento alla ricostruibilità (non sempre scontata con i prodotti low cost), alla garanzia e alla facilità di acquisto (tempi di consegna, prossimità della rete, chiarezza dei listini). Il brand Semperit pensa proprio a questa fascia: è diverso dall’offerta Continental ma non transige su qualità e durata, e nemmeno sul lato emotivo dell’acquisto, tanto che il modello Runner D2 è stato premiato con il Red Dot Design Award, prestigioso premio tedesco per il design. Offre robustezza, prestazioni tangibili, buone referenze e un’immagine affidabile; queste ultime due caratteristiche gli derivano sia dalla notorietà storica del marchio sia dal grande gruppo che sta alle spalle.

 

 

Fatti per giocare duro

“Instancabile Come te” è il claim utilizzato per il ritorno nel settore trasporto pesante. Non solo richiama l’originale spirito latino del marchio, ma sottolinea come la nuova gamma pensi ai lavori più usuranti: le sue missioni sono il trasporto regionale, il cantiere, l’off-road e l’impiego invernale; coprono tutti gli impieghi su asse possibile: sterzante, trattivo e rimorchio. Diversi treni dei nuovi Athlet Front (sterzante) e Athlet Drive (trattivo) sono al lavoro da alcuni mesi sui camion per trasporto blocchi delle cave di Carrara. Sono veicoli molto specifici, a trazione integrale 8x8, con doppio asse sterzante e asse posteriore motore e sollevabile, che caricano i blocchi più grandi grazie a slitte e verricelli, con una spettacolare manovra che li impenna sugli assali posteriori appena il blocco raggiunge le slitte in legno montate sui cassoni. Circolano in regime di trasporto eccezionale per peso e hanno una portata autorizzata di 40 tonnellate, l’equivalente della massa totale di un mezzo d’opera a quattro assi. Oltre che il peso e le sue repentine variazioni, come avviene nel momento del carico del blocco di marmo, queste macchine sfidano tutti i giorni un fondo molto aggressivo, con pietre affilate che incidono e tagliano i tasselli; 25mila chilometri di durata sono considerati già un ottimo risultato. È ancora presto per un giudizio definitivo, ma sulle prestazioni non hanno deluso, grazie soprattutto all’elevato grip che in queste condizioni è importantissimo, e la resistenza al taglio e all’usura è giudicata dai trasportatori carrarini molto soddisfacente.

 

 

 

La gamma

Sono 23 i modelli di pneumatici per veicoli industriali che compongono il catalogo Semperit. Per l’asse sterzante ci sono i regionali Runner F2, Euro-Front, M249, M249, M349, M350, M434, gli invernali M440, il fuoristrada M235 e i cantieristici Athlet Front con due diversi disegni. Sugli assi motori possono essere montati i regionali Runner D2, Euro-Drive, M255, M470, l’invernale M431 e il cantieristico Athlet Drive. Rimorchi e semirimorchi possono utilizzare il Runner T2, gli Euro-Trailer, M222, M223, M422 M423 (tutti per trasporto regionale) e l’invernale M277. Le misure di calettamento partono da 15” (7,50 e 8,50 R15) e proseguono con 17,5” (8,5, 205/75, 215/75, 225/75, 235/75, 245/70, 205/65 R17,5), 19,5” (245/70, 265/70, 285/70 R19,5), 20” (14,00 e 365/80 R20), 22,5” 295/80, 315/80 e 275/70 R22,5). Per quest’ultima misura ci sono anche le 11, 12 e 13 R22,5, misure richieste soprattutto dal mercato italiano, in particolare per i mezzi d’opera.

 

I nuovi Runner: se le distanze si allungano…

A completare verso l’alto la gamma Semperit sono appena arrivati i nuovi Runner. Il loro impiego ideale è a cavallo tra le tratte regionali e le lunghe distanze; i tre modelli F2, D2 e T2 pensano rispettivamente agli assi sterzanti, a quelli di trazione e ai rimorchi. Hanno tutti un nuovo disegno del battistrada con struttura vuoti/pieni ottimizzata, nuove mescole studiate per il risparmio energetico e la marcatura invernale M+S; il Runner D2, che ha lamelle profonde i 2/3 del battistrada, porta anche la più severa 3PMSF. L’etichetta energetica pone in classe C l’F2 e in D il D2, mentre l’aderenza sul bagnato registra la classe B per l’F2 e la C per il D2 (per il T2 la classificazione è ancora da definire).

 

Nuova struttura: un manager per capire il cambiamento

Per prevedere i cambiamenti del mercato ed essere vicini al cliente nella scelta del prodotto adeguato, Continental CVT Italia ha creato una nuova figura: il brand developement manager. Attento ai segnali che vengono dal mercato, sviluppa l’offerta per le nuove figure emergenti di consumatori e valorizza in questi segmenti il prodotto Continental; in questo momento, per esempio, il focus è sul segmento mass-premium. Ricopre la nuova carica Paolo Giorgetti, 32 anni, laureato in scienze politiche e in Continental dal 2011, dove è stato responsabile vendite per Toscana e Umbria.

torna all'archivio