Condividi su

Articoli - Archivio

01/09/2016
SEMPERIT, DIVORATORI D'ASFALTO

Pneumatici multistagionali e multiruolo

 

Multistagionali e multiruolo, i nuovi Semperit Runner pensano all’economia d’esercizio, grazie alla bassa resistenza al rotolamento, alla robustezza e all’usura limitata. Saranno distribuiti da una rete specifica

Massimo Condolo

Dopo la cava, la strada. La gamma Semperit,di cui fa parte anche la serie on-off road Athlet (articolo su Pneurama 2/2016), completa gli stradali Runner, annunciati al momento del rilancio dello storico marchio austriaco del gruppo Continental. La capogruppo ha riservato a questo brand un ruolo diverso da quello della classica “seconda linea” che punta soprattutto su un rapporto favorevole tra qualità e prezzo d’acquisto. I pneumatici Semperit delle nuove generazioni sono sviluppati autonomamente, pur utilizzando tecnologie Continental; il loro target è diverso da quelli della prima marca, senza sovrapposizioni né nell’impiego né nella rete di distribuzione; l’insegna Semperit non sarà necessariamente riservata a chi già distribuisce Continental. Le due reti saranno completamente indipendenti; ovviamente non saranno incompatibili, ma potranno esserci situazioni in cui le caratteristiche del territorio e del tessuto imprenditoriale delle imprese di trasporto potranno far decidere di vendere uno solo dei due marchi. Se le gamme Continental continueranno a essere specializzate, le Semperit punteranno soprattutto a versatilità ed economia d’esercizio, pensando a tutti quegli impieghi per cui non si ha, dall’inizio, una certezza di impiego. “Sono pneumatici,” ha sottolineato Daniel Gainza, Truck Tire Marketing Director EMEA di Continental, “che offrono elevate percorrenze e prestazioni in termini di consumi e permettono grazie alla loro versatilità di essere utilizzati in molteplici applicazioni dall’autostrada alla montagna”. La gamma di pneumatici truck Runner segna l’inizio di un nuovo capitolo nella lunga storia di Semperit. Sia i trattivi sia gli sterzanti, infatti, hanno la marcatura M+S, affiancata per i primi dalla 3PMSF.

 

Si competa il catalogo

La gamma Runner è stata introdotta gradualmente sul mercato: uscito prima con lo sterzante F2 nella misura 315/80 R22,5, seguito dal trattivo D2 nella stessa taglia, che ha vinto il Red Dot Design Award per la funzionalità e il contributo all’innovazione. A fine primavera si è ampliata l’offerta con nuove misure e il T2 destinato ai rimorchi. Considerando gli ultimi modelli presentati l’offerta, tutta basata su carcasse ricostruibili, coprirà da inizio 2017 l’87% delle esigenze del mercato europeo, contro il 90% circa tipico delle marche premium e il 76% che raggiungeva con le gamme precedenti. “Il brand Semperit”, ha spiegato Barry Guilford, sales director Truck EMEA, si vuole distinguere un segmento di mercato che sta assumendo un’importanza sempre maggiore in Europa. L’offerta è partita dal calettamento 22,5”, che rappresenta circa il 76% del segmento dei pesanti in Europa.

 

Studiati per durare

Tutti i nuovi modelli hanno una cintura a quattro strati e un rivestimento interno che limita al minimo le perdite d’aria. La struttura del tallone è passata da sei cavi in acciaio medi e tre piccoli a sei grandi disposti a pentagono con uno centrale, in modo da ridurre la gomma a favore del ferro. La nuova mescola di base, utilizzata per tutti e tre i modelli, garantisce buona resistenza sia all’usura sia a tagli e spaccature. La capillarità della distribuzione è garantita da 35 centri regionali in Unione europea, Russia, Norvegia e Turchia. I RUNNER F2 sono ora disponibili come 8,5R, 245/70 e 215/75 per cerchi da 17,5”, 385/55, 385/65, 315/70, 295/80 e 315/80 per cerchi da 22,5”. Hanno una mescola con bassa resistenza al rotolamento, rinforzata da gomma anti-abrasione nelle zone più soggette a deformazione; il battistrada ha un rapporto pieni/vuoti ottimizzato e una struttura che stabilizza le costole laterali. Grazie alla combinazione di queste due caratteristiche e ai tasselli a tasca che migliorano l’espulsione dell’acqua, la sicurezza sul bagnato ha guadagnato la classificazione B. Il tallone è rinforzato, mentre Il carico è maggiorato per venire incontro alle esigenze dei veicolo Euro 6, i cui sistemi di post-trattamento dei gas insistono sulla parte anteriore del veicolo. I canali hanno un profilo asimmetrico che migliora la durata, il disegno delle lamelle permette una distribuzione ottimale del peso. Il disegno originale del battistrada viene mantenuto sino al limite di usura.

 

Trattivi e rimorchio, ecco l’offerta

Le misure dei RUNNER D2 sono 8,5R, 245/70 e 215/75 per cerchi da 17,5”; 315/70, 295/80 e 315/80 per i 22,5”. Hanno un disegno a blocchi sfalsati, studiato per ridurre il rumore e massimizzare la trazione, mentre le lamelle sono fitte e profonde due terzi dello spessore del battistrada. Questo permette il mantenimento della motricità durante tutto il ciclo vitale del pneumatico, anche in prossimità della riscolpitura. Anche per questo modello il rapporto pieni/vuoti è stato ottimizzato grazie anche a simulazioni al computer come il calcolo agli elementi finiti. Vi ha contribuito il disegno con canali centrali stretti, che evitano l’intrappolamento del pietrisco e aumentano la rigidità (riducendo al contempo consumo di carburanti e usura) e i canali tridimensionali sulla spalla. La mescola, studiata anch’essa per ridurre gli attriti e quindi il consumo di carburante, è rinforzata con materiali anti-usura nelle zone più sottoposte alla deformazione. I RUNNER T2 hanno beneficiato di un ridisegno che ha allargato del 7% il battistrada rispetto al precedente M223: 310 mm di ampiezza contro 290. La geometria del loro battistrada ha canali centrali disegnati per espellere le pietre, mentre quelli esterni sono diritti per garantire una lunga durata; la costola esterna è studiata per dare più stabilità e ridurre il rumore. In generale il battistrada mostra un disegno ottimizzato per l’uso su pioggia e una mescola più resistente all’usura e ai tagli (problema classico dei semirimorchi che percorrono spesso le aree portuali e gli scali ferroviari). Sono proposti come 205/65, 245/70, 215/75 e 235/75 R 17,5”, 445/45, 245/70 e 285/70 R19,5 e, infine, 385/55 e 385/65 R22,5. 

 

 

NASCONO I SEMPERIT MASTERS

Come abbiamo visto, anche dal punto di vista commerciale Semperit è un marchio completamente indipendente. In sei paesi europei (Belgio, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito e Spagna) ci sarà una rete con un nome e un’insegna; per l’Italia il nome è Semperit Masters. Le reti sono nate da un’inchiesta preliminare su due mercati (Italia e Germania), che ha contemplato cento fra interviste e questionari. I rivenditori hanno così individuato le caratteristiche della rete ideale: marchio con un’immagine forte, facilità di acquisto dei pneumatici, supporto di marketing, buone argomentazioni di vendita del prodotto, performance solide, soddisfazione immediata del cliente.

 

NOVITÀ SUL TERZO FRONTE

Parallelamente al rinnovo delle gamme Continental e Semperit, il gruppo tedesco è impegnato anche con altro marchio di pneumatici per autocarro, Barum. La serie 200R copre per ora le applicazioni per assi trattivi (BD 200R, marcato M+S e 3PMSF) e sterzanti (BF 200R, M+S), disponibili entrambe nelle misure 315/80 e 315/70 per cerchioni da 22,5”. Il modello per rimorchi (BT 200R) arriverà nella seconda metà dell’anno. Come suggeriscono le loro marcature per impiego invernale, sono pneumatici polivalenti; hanno mecole ottimizzate e un nuovo disegno del battistrada, riscolpibile. La carcassa è ricostruibile e presenta il tallone rinforzato. A gamma completata le misure coperte saranno 205/65, 245/70, 215/75, 225/75 e 235/75 per cerchioni da 17,5”, 445/45, 245/70 e 285/70 per i 19,5” e 385/55, 295/60, 315/60, 385/65, 315/70, 295/80 e 315/80 per i 22,5”. 

torna all'archivio