Condividi su

Articoli - Archivio

12/12/2012
ROADSHOW INTERNAZIONALE IN BRASILE E ARGENTINA

AUTOPROMOTEC
Prosegue la strategia di progressiva internazionalizzazione di Autopromotec con l’obiettivo non solo di incrementare la partecipazione di nuovi espositori e visitatori dall’estero, ma anche di valorizzare maggiormente la manifestazione stessa presso tutti gli stakeholders di riferimento

Severino Savini

ANCHE lungo il 2012 Autopromotec, la più specializzata rassegna internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, continua a far viaggiare i suoi rappresentanti nei mercati ritenuti più significativi per proseguire un discorso intrapreso con forza anni fa. Già da alcune edizioni viene perseguita una strategia di progressiva internazionalizzazione con l’obiettivo non solo di incrementare la partecipazione di nuovi espositori e visitatori dall’estero, ma anche di valorizzare maggiormente la manifestazione stessa presso tutti gli stakeholders di riferimento.
I risultati di questo approccio hanno portato a +9% di espositori nel 2011 rispetto al 2009 e +11% per i visitatori, per quanto riguarda i dati degli operatori internazionali. In generale, le missioni internazionali per la promozione di Autopromotec mirano a incontrare gli interlocutori a livello locale, dalle principali associazioni di settore agli organizzatori fieristici regionali, per arrivare agli enti di promozione, senza trascurare i principali rappresentanti della stampa specializzata, al fine di incrementare la conoscenza della manifestazione e di tutto il comparto dell’aftermarket automotive mondiale, tramite appunto un approccio integrato. Guidati del medesimo approccio, la delegazione di Autopromotec nel giugno scorso ha condotto una serie di incontri nei due principali paesi del continente sudamericano, Brasile e Argentina, in cui Emanuele Vicentini, brand manager della manifestazione, con consulenti e partner locali, ha creato nuovi rapporti, approfondito opportunità di promozione congiunta e in definitiva promosso Autopromotec 2013 come l’evento principale in Europa del prossimo anno, sempre più piattaforma internazionale per tutti gli operatori del settore, anche da oltre oceano. A completamento dell’attività, sia in Brasile che in Argentina, sono stati organizzati incontri con i più importanti media specialistici locali, che da anni sostengono Autopromotec con la loro attività di reportage, alcuni dei quali sono ospiti fissi ormai da qualche edizione della manifestazione.

Gli incontri a San Paolo e Curitiba
La missione promozionale in Brasile rientrava in un accordo siglato tra Promotec, Regione Emilia Romagna e BolognaFiere per la promozione della manifestazione nel paese che ospiterà i prossimi mondiali di calcio e Olimpiadi, oltre che in Cina e in Turchia, nazioni strategiche per il settore automotive, anche nello specifico dell’aftermarket. Gli incontri ritenuti strategici hanno interessato Sindirepa (Sindicato da Industria de Reparacao de Veiculos e Accessorios do Estado do San Paolo) che detiene la rete di officine del più importante stato brasiliano in termini di traffico di autoveicoli, oltre a quelli con Aresp (Associacao das Empresas Reformadoras de Pneus do Estado de Sao Paulo) e Sindibor (Sindicato da Industria de Artefatos de Borracha no Estado de Sao Paulo), le due associazioni collegate al pneumatico e sostenitrici delle rassegne Pneushow e Expobor, molto importanti a livello locale e dedicate specificamente al settore del pneumatico e della gomma, da sempre forte nel subcontinente verdeoro fin dai tempi in cui l’attività veniva svolta attraverso l’estrazione di resina dalle piante, un processo dominato dai tempi della natura così florida da quelle parti. Nelle giornate paulistane, in questa circostanza, non sono invece avvenuti incontri diretti con le associazioni del settore della componentistica e dei ricambi, con le quali comunque sono già in essere ottimi rapporti e che verranno invitate a visitare Autopromotec 2013.
Un altro punto nodale della missione ha riguardato gli incontri con enti fieristici attivi nel campo automotive, per nuovi possibili percorsi di scambio reciproco di visibilità. In particolare, quelli con i principali player del settore con eventi di riferimento per l’intera area sudamericana come Reed Exhibitions a San Paolo, organizzatori di Automec e Automec Pesado e spingendosi poi fino a Curitiba, uno dei distretti brasiliani dell’automotive, per incontrare Diretriz che coordina diverse rassegne nel settore aftermarket a livello regionale, da Belo Horizonte a Porto Alegre. Senza dimenticare le manifestazioni del comparto del pneumatico menzionate sopra.

Verso sud, a Buenos Aires e Cordoba
In Argentina l’attività di promozione ha origini più lontane, parte da un accordo siglato con la Camera di Commercio Italiana a Buenos Aires, che supporta direttamente le attività di promozione di Autopromotec su tutto il territorio argentino. Grazie a questa collaborazione, sono stati organizzati incontri sia con importanti associazioni locali, sia con enti di promozione del territorio. Per le associazioni, sicuramente degni di nota gli incontri con il Grupo Proa (Gruppo di Produttori di Parti Auto) che si impegnerà per far si che la manifestazione venga inserita nel calendario ufficiale delle fiere promosse dal governo argentino e con Afydrem (Associazione Fabbricanti di Ricambi per Auto) con la quale Autopromotec ha valutato invece l’organizzazione di una partecipazione di buyer in fiera. La Federación Argentina de Nuematicos (Associazione Ricostruttori Pneumatici), dopo il riscontro della missione di delegati giunti a Bologna nel 2011, per il prossimo anno ha manifestato l’intenzione di voler coordinare un gruppo ancor più ampio di operatori, per conoscere tutte le novità del settore esposte in fiera. Sempre grazie alla Camera di Commercio, sono avvenuti incontri con alcuni tra gli enti di promozione argentini come l’Agenzia Pro Cordoba, che lavora per la promozione delle imprese della Provincia di Cordoba e un numero di imprese a essa collegate, così come Exportar, l’ente argentino per la promozione economica e commerciale del paese, che ha espresso l’interesse a includere Autopromotec tra le fiere promosse dal suo governo.
Riassumendo il valore economico potenziale di questi incontri, appare evidente perché questi paesi siano strategici per l’aftermarket automotive, è quindi importante poter esercitare su di loro un potere attrattivo verso Autopromotec nel 2013. In più, tutta l’operazione ha avuto ancor più senso poiché sottolinea come la manifestazione persegua ormai da anni questa strategia.

Cercare di tracciare un primo bilancio in attesa di Autopromotec 2013
La missione esplorativa di giugno scorso segue, a due anni di distanza, un’altra che si è svolta nella primavera del 2010; questa seconda ha fornito l’occasione per riprendere le varie collaborazioni e instaurarne di nuove. Grazie a quella intrapresa due anni fa si era intuito come le potenzialità di crescita della brand awareness di Autopromotec nei due paesi sudamericani fosse ampia, e sono state organizzate due delegazioni di operatori professionali che hanno visitato Autopromotec con ottimi riscontri e preso parte a numerosi meeting, operazione che verrà ripetuta ed estesa nel 2013.
Occorre ovviamente fare una distinzione tra i due paesi, dove si parte da background diversi e che rappresentano essi stessi profili economico-finanziari differenti. In Brasile, in questo stadio non sono stati fatti accordi di alcun tipo, ma è stata prediletta un’intensa attività di promozione nel paese attraverso i mezzi di comunicazione e le associazioni, che contribuirà a portare operatori al salone.
In Argentina, invece, dove grazie al lavoro della Camera di Commercio esistono rapporti più continuativi con le istituzioni locali, si sono avuti incontri tesi a trovare intese di lungo periodo e rafforzare quelle già esistenti. Il paese soffre da sempre questa sua tendenza ad essere un ottovolante sui mercati economici, ma rappresenta un mercato importante e con storiche relazioni con l’industria italiana.
La missione, dal bilancio quindi positivo, ha colto l’obiettivo di rafforzare la conoscenza della manifestazione, ma è servita anche a fornire spunti interessanti per una futura cooperazione atta a sviluppare iniziative specifiche, sia verso gli espositori sia verso i visitatori, in entrambi i paesi.
A tal fine, Autopromotec ha in programma di organizzare pacchetti di viaggio per i visitatori sudamericani che prevedano anche business meeting nei giorni di fiera, al fine di facilitare una visita della manifestazione per i singoli, oltre alla presenza di una delegazione di buyer più istituzionale. Al contempo, si è attivata la macchina commerciale per stimolare la presenza delle aziende espositrici locali che dovrebbe portare, con le premesse di quest’ultima missione, alla nascita nell’arco di un paio di edizioni di “Aree Paese” analoghe a quelle presenti ad altre fiere internazionali dell’aftermarket automobilistico, con un occhio sempre fermo sulle produzioni di qualità e con forte potenziale. I visitatori brasiliani e argentini ad Autopromotec renderanno la rassegna più interessante e internazionale, al contempo potranno ricevere essenziali informazioni sulle novità di prodotto e acculturarsi godendo dei tours della motorvalley che celebrano nel mondo l’Emilia dei motori.
Ben difficilmente verranno deluse le aspettative di coloro i quali si attendono un’Autopromotec 2013 ancor più internazionale e completa.

torna all'archivio