Condividi su

Articoli - Archivio

07/05/2019
Point S adotta il nuovo sistema Connex digital adas per la propria rete di officine

Rivenditori

 

Il gruppo francese ha siglato una partnership con Mahle Aftermarket Italy

Dino Collazzo

Innovazioni tecnologiche e formazione professionale. Point S, la rete di rivenditori indipendenti di pneumatici e servizi per auto che opera a livello mondiale, ha scelto di potenziare il proprio network investendo su apparecchiature all’avanguardia e corsi professionali per i propri operatori. L’obiettivo è conquistare nuove quote di mercato. E la ricetta per riuscirvi è realizzare centri sempre più efficienti e in grado di offrire un’assistenza a 360 gradi su tutti i veicoli, compresa la manutenzione degli Adas (Advanced driver assistance systems). Un punto, quest’ultimo, che ha portato la Point S a siglare una partnership con Mahle Aftermarket Italy, azienda del settore della componentistica automotive la cui divisione aftermarket è specializzata in parti di ricambio, per l’utilizzo all’interno della propria rete di officine del nuovo sistema Connex Digital Adas.

La strategia messa a punto dai manager del gruppo francese per migliorare i propri servizi segue tre linee guida: diversificazione dell’offerta di prodotti e servizi, potenziamento della propria rete e la capacità di fare squadra, tramite accordi commerciali, con altri operatori del settore. E Mahle è uno di questi. “Ci sono tante soluzioni sul mercato ma il percorso con il Digital Adas (e Malhe) si inserisce in un concetto più globale per la qualificazione della nostra rete” sottolinea Guy-Olivier Ducamp, Western Europe Director per Point S.

L’idea alla base del piano di espansione dell’azienda d’Oltralpe prende le mosse da un concetto molto semplice: fornire dei servizi “all inclusive” per tutti i veicoli. In pratica si tratterebbe di creare, mettendo in connessione tra loro professionalità diverse, dei centri capaci di fornire un’assistenza a tutto tondo: dalla manutenzione dei pneumatici a quella delle componenti meccaniche ed elettroniche fino ad arrivare ai sensori, alle telecamere, ai radar e ai software dei veicoli “intelligenti”. Questa visione nasce dall’esigenza da parte dei gommisti e delle officine di riuscire a reggere una concorrenza che è diventata molto più agguerrita. E così puntare sull’utilizzo di attrezzature innovative appare la strategia migliore per continuare ad avere un business nei prossimi anni. Ma avere strumenti all’avanguardia non basta per accrescere il proprio valore, servono anche professionalità. Ed è per questo che Point S ha deciso anche di suggerire ai propri operatori di seguire corsi di formazione ad hoc come quelli organizzati con Focus Officina: in modo da acquisire maggiori informazioni, di conoscere le ultime novità nel campo della manutenzione e nell’utilizzo delle attrezzature. Preparazione, competenza e conoscenza sono le tra parole chiave che dovrebbero portare, nell’intenzione di Point S, al risultato di riuscire a intercettare un maggior numero di clienti da parte dei rivenditori e delle officine.

 

Una partnership sulla manutenzione degli Adas

Il nuovo sistema Connex Digital Adas, che Mahle Aftermarket Italy ha presentato agli aderenti Point S lo scorso gennaio, consente di compiere la calibrazione dei sistemi avanzati di assistenza alla guida. Nei veicoli di recente costruzioni, infatti, gli Adas sono sempre più componente predominante. Strumenti come radar, fotocamera, sensori a ultrasuoni sono elementi di cui le officine dovranno tener conto quando gommisti, carrozzieri e meccatronici dovranno svolgere il loro lavoro di riparazione e assistenza. Si pensi per esempio agli interventi a seguito di micro-collisioni, di sostituzione del parabrezza, di lavori sulle videocamere e di sostituzione dei cerchi dei pneumatici, lavori complessi che, con la presenza di questi componenti, richiedono una particolare attenzione: in gioco c’è la sicurezza. “Negli anni a venire – spiega Carlo Rocchi direttore generale Mahle Aftermarket Italy – il numero di sistemi di assistenza alla guida e la proporzione di autovetture e camion equipaggiati con essi aumenteranno notevolmente, ciò cambierà il lavoro all’interno delle officine”. Il sistema di Digital Adas, che permette attraverso un unico dispositivo digitale di impostare sensori e telecamere radar, è piaciuto a Point S che lo scorso febbraio ha presentato per la propria rete la linea di prodotti S-Adas, studiata in collaborazione con Mahle e Vamag.

 

Un’esperienza che arriva da lontano

Point S, con la propria rete di specialisti nei penumatici, vero core business del gruppo, è una realtà ben strutturata che deve il suo successo alla capacità di attingere dall’esperienza acquisita negli anni. Presente in oltre 35 paesi con oltre 4 mila punti vendita – 500 solo in Italia – gestiti da più di 2 mila imprenditori indipendenti, questo network è in grado di gestire più di 17 milioni di penumatici. Da anni ormai Point S sviluppa anche un proprio marchio privato con una gamma completa di penumatici estivi, invernali e quattro stagioni. Questi sono progettati e prodotti in Europa in cooperazione con uno dei principali produttori del settore. Il gruppo Point S non si limita però solo al mondo pneumatici. L’aderente alla rete può infatti contare su tutta una serie di altri prodotti, sempre a marchio Point S, che gli permettono di diversificare l’offerta presso il proprio punto vendita. Ciò è reso possibile anche grazie ai diversi accordi commerciali che Point S ha sia con diversi ricambisti che con distributori di macchinari e attrezzature.

torna all'archivio