Condividi su

Normative: News Legali

27/06/2012
NEWS - Chiarezza sui congedi parentali

A cura dell'Avvocato Tommaso Bagnulo

I giorni di sabato o di domenica o comunque i giorni successivi al giorno di rientro al lavoro non devono essere computati nel congedo parentale, nel caso in cui il genitore lavoratore, che ne fruisca in modo frazionato, rientri al lavoro il venerdì ovvero in qualsiasi altro giorno che preceda immediatamente una festività infrasettimanale. La Corte di Cassazione, sez. lav., con sentenza n. 6742 del 4 maggio 2012 si è ancora una volta soffermata sull’argomento, ribadendo il proprio orientamento, secondo il quale il diritto al congedo parentale può essere esercitato dal genitore-lavoratore al fine di garantire con la propria presenza il soddisfacimento dei bisogni affettivi del bambino e della sua esigenza di un pieno inserimento nella famiglia. Poiché ai sensi dell’art. 31, comma 1, del D.Lgs. n. 151 del 2001 esso si configura come un diritto (potestativo) di astenersi da una prestazione lavorativa che sarebbe altrimenti dovuta, è evidente che esso non può riferirsi a giornate in cui tale prestazione non è comunque dovuta (tranne l’ipotesi in cui la giornata festiva sia interamente compresa nel periodo di congedo parentale). Invero, in base alla struttura del congedo parentale frazionato, così come previsto dal menzionato articolo, è evidente che la fruizione del congedo parentale si interrompe allorché il genitore-lavoratore rientra al lavoro, e ricomincia a decorrere dal momento in cui lo stesso riprende il periodo di astensione. Ne discende, conclude la Corte, che i giorni festivi che ricadono interamente nel periodo di fruizione del congedo parentale vengono computati nell’ambito dei giorni di congedo, comportando però quale sviluppo logico che i giorni festivi che non ricadono nel periodo di congedo parentale non sono computabili come giorni di fruizione del congedo stesso. Nel caso dunque di scelta di congedo parentale frazionato, va da sé che si deve applicare la medesima ratio, indi per cui in caso di interruzione del frazionamento in giorno prefestivo e di reinizio del godimento del diritto successivamente, i giorni festivi intercorrenti non possono essere computati all’interno del periodo di congedo parentale.

Torna alle normative