Condividi su

Normative: Fisco

30/04/2012
FISCO - Comunicazione p.e.c. - proroga al 30/06/2012

A cura del Dottore Commercialista Alberto Piombo

Il D.Lgs. n.185/08 aveva previsto che entro il 29 novembre 2011 tutte le imprese costituite in forma societaria dovessero comunicare al Registro delle Imprese l’indirizzo di posta elettronica certificata, qualora non vi avessero già provveduto all’atto di iscrizione in Camera di Commercio. L’articolo 37 del D.Lgs. n.5/12 ha, ora, disposto la proroga al 30 giugno 2012 del termine inizialmente fissato al 29 novembre 2011 per tutte le società che, alla data di entrata in vigore del decreto (cioè alla data del 10 febbraio 2012) non avessero ancora comunicato il proprio indirizzo p.e.c. al Registro delle Imprese. L’indirizzo p.e.c. risulterà visibile da una qualsiasi visura di ciascuna società. L’obbligo di dotarsi e comunicare l’indirizzo p.e.c. riguarda le imprese costituite in forma societaria:

• Società di persone;

• Società di capitali;

• Società semplici;

• Società cooperative;

• Società in liquidazione;

• Società estere che hanno in Italia una o più sedi secondarie.

Rimangono, pertanto, escluse da tale obbligo le imprese individuali.

La posta elettronica certificata (p.e.c.) è uno strumento che permette di dare a un messaggio di posta elettronica lo stesso valore legale di una raccomandata cartacea con avviso di ricevimento tradizionale. Pertanto, tutte le società costituite in data antecedente al 29 novembre 2008 dovranno, qualora non vi abbiano già provveduto entro lo scorso 29 novembre 2011:

1. dotarsi di un indirizzo di posta elettronica certificata (p.e.c.);

2. comunicarlo al Registro delle Imprese della Camera di Commercio territorialmente competente entro il 30 giugno 2012.

Per quanto riguarda le società costituite dal 29 novembre 2008 a oggi, l’iscrizione iniziale al Registro delle Imprese era già vincolata al possesso di un indirizzo p.e.c.: pertanto, tali società non sono interessate all’adempimento in scadenza, in quanto l’indirizzo è già in possesso delle Camere di Commercio competenti.

Torna alle normative