Condividi su

Normative: Fisco

30/04/2012
FISCO - Aliquote contributive Inps per artigiani, commercianti e soggetti iscritti alla Gestione separata

A cura del Dottore Commercialista Alberto Piombo

Con le Circolari n.14 e n.16 del 3 febbraio 2012 l’Inps ha definito le aliquote previste per il calcolo dei contributi Ivs dovuti da artigiani e commercianti e per i contributi dovuti dai soggetti iscritti alla Gestione separata di cui alla L. n.335/95 per l’anno 2012.

Con riferimento ai contributi dovuti dai soggetti iscritti alla Gestione separata, la legge n.183 del 12 novembre 2011 (Legge di stabilità 2012), all’art.22, co.1, ha previsto che “Con effetto dal 1° gennaio 2012 l’aliquota contributiva pensionistica per gli iscritti alla Gestione separata di cui all’art.2, co.26, della L. n.335/95, e la relativa aliquota contributiva per il computo delle prestazioni pensionistiche sono aumentate di un punto percentuale”.

 

Artigiani e commercianti

Il contributo dovuto dai soggetti iscritti nelle gestioni degli Artigiani e degli Esercenti attività commerciali si determina applicando sulla totalità dei redditi d’impresa denunciati ai fini Irpef (e non soltanto su quello derivante dall’attività che dà titolo all’iscrizione nella gestione di appartenenza) le aliquote contributive con le seguenti caratteristiche:

• in misura fissa per la quota di reddito al più pari a

€ 14.930;

• in misura percentuale sul reddito eccedente il minimale fino a € 73.673 (fino a € 96.149 per i soggetti privi di anzianità alla data del 31/12/95).

 

Il contributo per l’anno 2012 è dovuto sulla totalità dei redditi d’impresa prodotti nel 2011 per la quota eccedente il minimale in base alle aliquote esposte in tabella. I redditi descritti corrispondono a limiti individuali da riferire a ogni singolo soggetto operante nell’impresa. 

Sono previste agevolazioni a favore dei coadiuvanti e coadiutori di età inferiore a 21 anni (riduzione di 3 punti percentuali delle aliquote) e dei soggetti con più di 65 anni di età già pensionati (riduzione del 50% dei contributi dovuti).



REDDITO DA € 14.930 

FINO A € 44.204


Artigiani

Commercianti

Titolari, soci e collaboratori 

di età superiore ai 21 anni

  21,30%

21,39%

Collaboratori di età 

non superiore ai 21 anni

  18,30%

18,39%

 

REDDITO DA € 44.204,01 

FINO A € 73.673 (oppure € 96.149)

Artigiani

Commercianti

Titolari, soci e collaboratori 

di età superiore ai 21 anni

22,30%

22,39%

Collaboratori di età 

non superiore ai 21 anni

19,30%

19,39%

 

Iscritti alla gestione separata

Sono tenuti all’obbligo contributivo nei confronti della Gestione separata Inps i soggetti che hanno redditi derivanti da:

• collaborazione coordinata e continuativa, contratto a progetto o collaborazioni occasionali;

• attività di lavoro autonomo, cioè liberi professionisti privi di cassa previdenziale di categoria;

• attività di lavoro autonomo occasionale (se superano il limite di reddito di € 5.000 annui);

• vendite porta a porta, cioè incaricati alle vendite a domicilio (se superano il limite di reddito di € 6.410,26 annui);

• associazione in partecipazione con apporto di solo lavoro.

 

Aliquote Inps gestione separata anno 2012

Il contributo alla Gestione separata va versato all’Inps con il modello F24. Le metodologie di versamento variano a seconda che il versamento riguardi i professionisti o i collaboratori.

 

Categoria

Aliquota

Collaboratori e i professionisti iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria; i titolari di pensione diretta, cioè quella derivante da contributi versati per il proprio lavoro e i titolari di pensione di reversibilità 

 

 

18% (ex 10%)

Collaboratori non iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria oltre alla gestione separata. Il contributo è comprensivo dell’aliquota dello 0,72% per finanziare l’indennità di maternità, l’assegno per il nucleo familiare e l’indennità di malattia

 

 

   27,72% fino a € 93.622,00

Il minimale di reddito per l’anno 2012 per vantare un anno di contribuzione effettiva per gli iscritti è pari a € 14.930. 

 

Torna alle normative