Condividi su

Dai nostri partner

02/01/2020
Insa Turbo investe nella robotizzazione

Dai nostri partner

 

Il ricostruttore spagnolo Insa Turbo punta sulle nuove tecnologie per ottimizzare i processi di ricostruzione dei pneumatici per vettura

David Wilson • Retreading Business

Sono passati oltre 20 anni da quando Retreading Business ha visitato la fabbrica del ricostruttore spagnolo Insa Turbo nella città di Aspe, vicino ad Alicante nel sud della Spagna. Per essere precisi, l’ultima volta è stata in occasione del primo numero del giornale nel 1997.

Da quel momento, non sembra esagerato dire che l’industria della ricostruzione è cambiata in maniera significativa, specialmente nel segmento delle autovetture, all’interno del quale Insa Turbo è un attore importante. In quel momento, i più grandi ricostruttori di pneumatici per vettura – Insa inclusa – producevano oltre un milione di ricostruiti per vettura all’anno. 

Oggigiorno, il mercato dei pneumatici ricostruiti per vettura offre una realtà diversa. Da quell’epoca d’oro negli anni ’90, la maggior parte dei concorrenti dell’azienda ricoprono ora una posizione marginale, ma Insa Turbo, che fa parte del Grupo Soledad, ora il più grande distributore dell’Europa meridionale, continua a crescere, reinventandosi completamente come parte integrante del gruppo costruito interamente attorno al concetto di economia circolare.

Oggi, il business del gruppo include un servizio di distribuzione e vendita all’ingrosso di pneumatici, quattro reti di punti vendita di differenti marchi, la struttura per la ricostruzione, due diverse aziende che producono mescole in gomma, commercio di carcasse e di pneumatici parzialmente usurati, un’attività di riciclo di gomma e pneumatici che fornisce polverino per campi da gioco e coperture per diverse applicazioni, e che fornisce anche combustibile per l’impiego nei cementifici, ed un’azienda di attrezzature per il riciclo dei pneumatici.

Oggi, Insa Turbo produce all’incirca 450.000 ricostruiti per i vari segmenti. Queste cifre includono i circa 200.000 ricostruiti per vettura, 180.000 pneumatici per i 4x4, 50.000 per gli autocarri e 20.000 per altre applicazioni, che includono l’agro e l’OTR. Oltre a questo, Insa Turbo acquista anche alcuni ricostruiti per specifiche applicazioni OTR e 4x4 da Recachutados Mesas ad Albacete e Recaunchutagem 31 in Portogallo, entrambi partner commerciali di vecchia data.

Una delle principali ragioni del successo di Insa Turbo, nonché di tutto il gruppo, è stata la capacità di fare il miglior impiego di tutte le tecnologie a loro disposizione, capacità resa evidente quando si dà un’occhiata ad alcuni dei recenti e continui sviluppi nello stabilimento avvenuti nel corso di questi anni.

“Ricerchiamo il layout perfetto per la fabbrica”, ha spiegato Salvador Pérez Lucena, il direttore commerciale internazionale del Grupo Soledad mentre ci mostrava il più recente investimento dell’azienda nel suo impianto di ricostruzione per i pneumatici vettura, il prototipo di un progetto di robotizzazione sviluppato in collaborazione con EDS Robotics, che permette di connettere fino a tre macchinari per l’estrusione a un singolo robot, consentendo di ottenere una portata di 1.500 pneumatici al giorno se usato con tutte e tre le macchine, richiedendo il lavoro di un singolo operatore.

Il prototipo, installato nel dicembre 2018, è attualmente connesso a due estrusori/rullatrici Black Dragon 90, sebbene secondo Pérez l’azienda cercherà di aggiungerne un’altra al più presto.

“Il sistema utilizza un sistema visivo per misurare la dimensione del pneumatico, e in seguito comunica le misure direttamente alla confezionatrice, eliminando la possibilità di errore umano e risolvendo i problemi di movimentazione manuale”, ha spiegato. “È in grado di compiere il lavoro di 6 operai senza errori”.

Secondo Pérez, Insa Turbo sta studiando il modo di lanciare sul mercato il sistema per altri ricostruttori. “Non abbiamo alcuna preoccupazione nel mostrare il nostro stabilimento ai nostri concorrenti”, afferma. “Pensiamo che questo approccio per noi sia vantaggioso dal momento che, nel farlo, riceviamo anche un feedback dagli altri. Al momento stiamo discutendo con uno dei nostri fornitori sul come commercializzare l’innovazione. Il sistema attualmente è utilizzato solo per i pneumatici per vettura, ma stiamo cercando di introdurre la costruzione robotizzata anche per i pneumatici autocarro”, aggiunge.

Secondo Pérez, Insa Turbo sta già guardando avanti verso il prossimo progetto mirato a incrementare ulteriormente il rendimento nello stabilimento dedicato al segmento vettura. “Stiamo studiando come automatizzare il processo di equilibratura dei pneumatici ricostruiti per le automobili”, spiega. “Quello dell’equilibratura è un procedimento che richiede molto tempo e un grande impiego di manodopera, e crediamo che sia necessario cercare un modo di ottimizzare questo processo.”

Oltre al denaro speso nello stabilimento per i pneumatici vettura, una serie di investimenti chiave sono stati fatti anche nello stabilimento per pneumatici autocarro, che includono un macchinario per la shearografia SDS e un doppio estrusore/rullatrice TRM. Dei miglioramenti sono stati fatti anche alle autoclavi IROP dell’azienda, con i controlli individuali a ogni pneumatico anziché ogni quattro.

In termini di mercati, Insa Turbo lavora con molti distributori internazionali di fiducia, come Micheldever Tyres nel Regno Unito e Baltyre nell’est Europa. Anche l’America settentrionale è un mercato in crescita per i ricostruiti dell’azienda, con le vendite che vengono portate avanti da tre rivenditori lungo la costa orientale degli Stati Uniti. Intanto, quello dei pneumatici 4x4 è uno dei settori nei quali Insa Turbo ha ottenuto maggior successo e rilievo a livello internazionale, con il Regno Unito, la Germania e la Francia come suoi principali mercati di esportazione.

Secondo Salvador Pérez, tuttavia, si stanno facendo dei progressi non trascurabili nel settore dei pneumatici per autocarro.

“Abbiamo cambiato il nostro approccio nella vendita di ricostruiti per autocarro,” afferma. Laddove prima avremmo potuto vendere un ricostruito per autocarro a 140 euro, li stiamo vendendo a 250. Per ottenere questo, abbiamo cambiato interamente il nostro approccio, investendo sul processo produttivo, sulla qualità, su carcasse di prima qualità, nuovi stampi, equilibratrici ecc. – una serie di misure che hanno come obiettivo quello di migliorare il valore percepito dei nostri prodotti”.

Il business del ricostruito per autocarro dell’azienda consiste per circa il 50% nel conto lavorazione, con un’equa divisione fra ricostruzione a caldo e a freddo. L’azienda sta producendo inoltre ricostruiti semi-integrali. Secondo Pérez, l’obiettivo è ora quello di aumentare la quota di ricostruiti in conto lavorazione.

Per la sua gamma di ricostruiti a freddo, utilizzati per lo più per il trasporto su lunghe distanze, Insa Turbo utilizza battistrada e materiali di riparazione di Vipal. Per i ricostruiti a caldo, utilizzati per lo più per impieghi misti su strada e fuori strada, viene utilizzata la gomma proveniente dall’azienda di mescole facente parte del Grupo Soledad, la Mezcla Caucho.

In termini di servizi alle flotte, Insa Turbo lavora con alcune delle più grandi flotte della Spagna, come Acotral che, con i suoi 1.600 camion, serve la catena di supermercati Mercadona. Il servizio è offerto attraverso il network di punti vendita del Gruppo Soledad, in genere la rete premium Confort Auto, che comprende 30 negozi di truck service. Qui l’azienda promuove Hankook come premium brand di pneumatici nuovi e Sailun come brand economico.

In aggiunta ai suoi prodotti a marchio proprio, Insa Turbo lavora a stretto contatto anche con i costruttori di pneumatici nuovi.

L’azienda ha di recente ottenuto un contratto con Continental per la produzione dei ricostruiti Contitread e, secondo Pérez, il prossimo anno questa collaborazione verrà estesa al brand Semperit. “Nel gennaio di quest’anno abbiamo iniziato a fornire un servizio di ricostruzione in conto lavorazione per Contiental”, ha spiegato. “Cercheremo di raddoppiare il numero di pneumatici che ricostruiamo, anche se questo dipende dalla disponibilità di carcasse.”

Insa Turbo produce anche i ricostruiti di Hankook Alphatread in Spagna, con la mescola messa a punto da Mezclas Caucho.

 

Retreading Business

Riproduzione riservata

Archivio