Condividi su

Normative: Fisco

04/11/2016
FISCO - ADDIO AGLI STUDI DI SETTORE

A cura di Alberto Piombo Dott. Commercialista

Gli studi di settore, che misurano i ricavi e i compensi di imprese e professionisti, sono destinati ad andare in soffitta. Saranno sostituiti gradualmente (come sottolinea una nota del Mef del 7 settembre) con indicatori di compliance che forniranno il grado di affidabilità del contribuente.

I soggetti che raggiungeranno un grado elevato potranno accedere ai vantaggi del sistema premiale che prevede, tra l’altro, un percorso accelerato per i rimborsi fiscali, la riduzione dei tempi e l’esclusione da alcuni tipi di accertamenti.

È la proposta messa a punto da Sose (Soluzioni per il sistema economico spa) e Agenzia delle Entrate. E proprio presso la sede della Sose si è tenuta una riunione della Commissione degli esperti per gli studi di settore durante la quale è stata presentata ad associazioni di categoria e ordini professionali una serie di proposte di innovazione metodologica a seguito delle attività di sperimentazione effettuate nei mesi scorsi.

Al seguente link è possibile trovare la presentazione degli indicatori di compliance: http://www.mef.gov.it/inevidenza/documenti/Exrixvoluzione_Studi_di_Settore_V.14_definitiva.pdf

 

Come funzioneranno gli indicatori

L’indicatore di compliance sarà un dato sintetico che fornirà, su scala da uno a dieci, il grado di affidabilità del contribuente. Se il contribuente raggiunge un grado elevato avrà accesso al sistema premiale che prevede oggi, tra l’altro, un percorso accelerato per i rimborsi fiscali, l’esclusione da alcuni tipi di accertamento e una riduzione del periodo di accertabilità.

Il nuovo indicatore sarà articolato in base all’attività economica svolta in maniera prevalente, con la previsione di specificità per ogni attività o gruppo di attività. Verrà costruito sulla base di una metodologia statistico-economica innovativa che prende in considerazione diversi elementi:

- gli indicatori di normalità economica (finora utilizzati per la stima dei ricavi) diventeranno indicatori per il calcolo del livello di affidabilità;

- invece dei soli ricavi saranno stimati anche il valore aggiunto e il reddito d’impresa;

- il modello di regressione sarà basato su dati panel (8 anni invece di 1) con più informazioni e stime più efficienti;

- il modello di stima coglierà l’andamento ciclico senza la necessità di predisporre ex-post specifici correttivi congiunturali (correttivi crisi);

- una nuova metodologia di individuazione dei modelli organizzativi consentirà la tendenziale riduzione del numero, una maggiore stabilità nel tempo e assegnazione più robusta al cluster.

 

Dalle Entrate altre 200mila «lettere»

Al singolo contribuente saranno comunicati, attraverso l’Agenzia delle Entrate, il risultato dell’indicatore sintetico e le sue diverse componenti, comprese quelle che appaiono incoerenti. In questo modo il contribuente sarà stimolato a incrementare l’adempimento spontaneo e incentivato a interloquire con l’Agenzia delle Entrate per migliorare la sua posizione sul piano dell’affidabilità

Torna alle normative