Condividi su

Normative: News Legali

07/04/2011
NEWS - In caso di opposizione e di accertamento di violazione al codice della strada il giudice può incrementare d'ufficio la relativa sanzione.

a cura dell'Avvocato Tommaso Bagnulo

È quanto hanno stabilito le Sezioni Unite della Cassazione (con sentenza del 15 dicembre 2010, n. 25304) affermando che il giudice che rigetta l'opposizione può applicare la sanzione che ritiene più congrua, ovviamente compresa tra il minimo e il massimo edittale, secondo il proprio libero convincimento.
Rilevano le S.U. che i commi 5 e 6 dell'art. 23 della legge 689/1981, in tema di c.d. "depenalizzazione", costituiscono la base normativa del potere del giudice di quantificare una sanzione pecuniaria anche in misura superiore "atteso che è espressamente richiamato dalla legge il libero convincimento del giudice stesso, cosa che risulterebbe priva di significato ove dovesse ritenersi sussistente un appiattimento sul minimo edittale".

Torna alle normative