Condividi su

Normative: News Legali

27/10/2011
NEWS - In vigore il D.lgs. che recepisce la Direttiva 2008/99 sulla "tutela penale dell'ambiente". In tandem con il D.lgs. 231/01 in tema di responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche

a cura dell'Avvocato Tommaso Bagnulo

Con il decreto legislativo 7 luglio 2011 n. 121 (in G.U. 1 agosto 2011, n. 177), viene recepita la Direttiva 2008/99/CE sulla tutela penale dell'ambiente. Mediante tale recepimento, si introduce la responsabilità delle persone giuridiche per i reati ambientali, in aggiunta-integrazione pertanto a quanto disposto dal D.lgs. 231/2001 relativo alla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche. Sostanzialmente, quindi, le persone giuridiche (società e associazioni) potranno rispondere anche di reati commessi in materia ambientale, salvo l'adozione e il rispetto del modello di organizzazione, gestione e controllo idoneo a prevenire i summenzionati reati. Inoltre, con il predetto Decreto viene inserito nel codice penale l'art. 727bis, secondo il quale è previsto l'arresto da uno o sei mesi o l'ammenda fino a 4.000,00 euro di chi uccide, cattura, preleva o detiene esemplari di specie animali protette e con l'ammenda fino a 4.000,00 euro chi distrugge, preleva o detiene esemplari appartenenti ad una specie vegetale selvatica protetta.

Torna alle normative