Condividi su

Normative: Fisco

10/03/2015
FISCO - Modifiche alle regole enasarco dal 2015

A cura del Dott. Commercialista Alberto Piombo

A decorrere dal 1° gennaio 2015 mutano le regole per la gestione dei contributi Enasarco per gli agenti e rappresentanti e loro ditte mandanti.

Pertanto, sarà opportuno aggiornare i propri archivi tenendo conto di quanto segue in termini di aliquote, massimali e minimali.

 

Le aliquote della contribuzione

Le aliquote della contribuzione sono così previste per l’anno 2015 e i successivi, secondo un graduale aumento (si evidenzia comunque l’anno 2014 al fine di apprezzare la variazione rispetto al precedente anno):

 

 

2014

2015

2016

2017

2018

2019

2020

Aliquota
contributiva

14,20%

14,65%

15,10%

15,55%

16,00%

16,50%

17,00%

 


Nel caso di agenti operanti in Società il massimale si intende riferito alla Società e non ai singoli soci e, pertanto, il contributo deve essere ripartito tra i soci in funzione delle loro quote di partecipazione.

 

Si rammenta che tale aliquota viene a gravare in pari misura del 50% sull’agente e sulla casa mandante, con la conseguenza che, in sede di addebito delle provvigioni sulla fattura dell’agente dovrà essere detratta (per il 2015) la percentuale del 7,325%.

 

I massimali provigionali

Le aliquote di cui sopra debbono essere conteggiate sino al raggiungimento di prefissati massimali provvigionali secondo la tabella che segue (si evidenzia sempre il limite 2014 per opportuno confronto):

 

Periodo di riferimento

Plurimandatario

Monomandatario

Anno 2015

25.000,00

37.500,00

Anno 2014

23.000,00

35.000,00

 

 

I minimali di contribuzione

La casa mandante deve integrare il contributo da versare per raggiungere il minimale prestabilito, frazionando gli importi per ciascun trimestre di contribuzione. L’importo base dei minimali (attualmente previsto in 400 euro per i plurimandatari e 800 euro per i monomandatari) viene annualmente rivalutato per tenere conto dell’indice generale Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI).

Ad esempio, per l’anno 2014 le cifre di riferimento erano pari a 417 euro per i plurimandatari e 834 euro per i monomandatari.

Al momento, non essendo ancora noto l’indice FOI non sono stati ancora aggiornati gli importi di cui sopra; in ogni caso, il problema si porrà in sede di primo versamento trimestrale dei contributi dovuti per l’anno 2015.

Torna alle normative