Condividi su

Normative: Fisco

03/07/2014
FISCO - Gestione casella P.E.C.

A cura del Dott. Commercialista Alberto Piombo

Il sistema di posta elettronica certificata sostituisce, in linea di principio, le comunicazioni a mezzo raccomandata, con la conseguenza che risulta davvero importante effettuare un monitoraggio continuo della casella, onde evitare di restare all’oscuro di comunicazioni che si considerano ufficialmente effettuate (si pensi alla possibile scadenza di termini, ecc.).

 

Per tale motivo, spesso gli operatori attivano sistemi di controllo automatizzati, quali quelli che inviano SMS all’arrivo di nuovi messaggi, oppure segnalano la circostanza con mail inviate alle caselle normalmente in uso.

 

Va per tali motivi ricordata anche l’importanza dei rinnovi dei contratti con il fornitore del servizio, specialmente per tutti coloro che avessero attivato la PEC lo scorso anno con durata annuale.

Oltre al possibile utilizzo dell’indirizzo PEC per le normali comunicazioni commerciali o per gli atti civili, va anche rammentato, per confermare l’importanza del monitoraggio, che per tale via possono anche avvenire le notifiche delle cartelle esattoriali ai sensi dell’art.26 d.p.R. n.602/73.

La disposizione prevede, in particolare, che “la notifica della cartella può essere eseguita … a mezzo di posta elettronica certificata, all’indirizzo risultante dagli elenchi e tal fine previsti dalla legge. Tali elenchi sono consultabili, anche in via telematica, dagli agenti della riscossione”.

Torna alle normative