Condividi su

Pneurama Weekly - Archivio

07/05/2019
Pirelli Italian Round, la P lunga continua lo sviluppo delle opzioni maggiorate e ricorda il primo Campionato WorldSBK vinto con Merkel e Honda nel 1989

A partire da venerdì 10 e fino a domenica 12 maggio 2019, l’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola ospiterà il quinto round stagionale del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike di cui Pirelli sarà Event Main Sponsor. Proprio in occasione del Pirelli Italian Round, come è stato ufficialmente denominato l’appuntamento imolese, l’azienda di pneumatici italiana ricorda il trentennale della prima vittoria ottenuta nel Campionato per derivate dalla serie grazie all’impresa storica di Fred Merkel che, in sella alla Honda RC 30 del team Rumi equipaggiata con pneumatici slick Pirelli, il 30 aprile del lontano 1989 riuscì a vincere Gara 1, e successivamente anche Gara 2, nel round di Superbike dell'Hungaroring portando per la prima volta Pirelli sul gradino alto del podio nel Campionato per derivate della serie e successivamente, nella stessa stagione, alla conquista del primo Mondiale.

Giorgio Barbier, Direttore Racing di Pirelli Moto, ricorda così l’impresa di Merkel: “Fino al 2003 il Campionato Superbike si svolgeva in regime di competizione aperta tra gommisti. Nella stagione 1989, la seconda del Campionato, Fred si presentava in griglia da Campione del Mondo in carica e, soprattutto, facendo debuttare Pirelli nel Mondiale. La prima gara a Donington non andò come sperava e nel round successivo, quello corso all’Hungaroring, Fred aveva quindi una forte voglia di riscatto. Fu un weekend perfetto in cui ottenne Superpole e la vittoria di entrambe le gare con la sua Honda regalando a Pirelli il primo successo e poi il primo Mondiale a fine anno. Proprio per ricordare questa ricorrenza importante, abbiamo deciso di esporre la Honda RC 30 di Flying Fred vicino al nostro truck hospitality affinché tutti gli appassionati possano ammirarla e ricordare l’impresa di questo straordinario pilota americano e della casa motociclistica giapponese che proprio quest’anno ha deciso di investire risorse importanti per tornare protagonista di questo bel Campionato!”

Per l’appuntamento di Imola, Pirelli ha deciso di continuare a puntare sulle soluzioni maggiorate e ha sviluppato una nuova SCX e una nuova soluzione posteriore in mescola morbida per la classe regina. Nella configurazione per gare motociclistiche, l'Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola propone un tracciato di di 4936 metri con 13 curve a sinistra e 9 a destra e un senso di percorrenza antiorario. Quello costruito sulle sponde del Santerno è un circuito abbastanza tecnico che presenta curve e staccate complesse e che prevede un ritmo elevato di gara, pertanto richiede ottime doti di guida. Il circuito è stato riasfaltato l’ultima volta nell’agosto 2011 per circa il 70% della sua lunghezza.

 

Le soluzioni per le classi WorldSBK e WorldSSP 

Sono 3676 i pneumatici che Pirelli ha portato ad Imola per il quinto round stagionale del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike. Questo quantitativo comprende pneumatici da asciutto (slick o intagliati in base alla classe) intermedi e da bagnato per tutte e tre le classi del Campionato. Nel WorldSBK i piloti avranno a disposizione solo pneumatici in misura maggiorata 125/70 anteriore e 200/65 posteriore, tra questi due nuove soluzioni posteriori mai utilizzate prima. Confermate le opzioni anteriori già utilizzate ad Aragón ed Assen: la SC1 di gamma 125/70 in mescola morbida, e le SC2 di sviluppo X1071 e X1118 in mescola media. Per quanto riguarda le opzioni posteriori, oltre alla SC0 di gamma 200/65 e alla SC1 di sviluppo Y0187, entrambe già portate sia ad Aragón che ad Assen, Pirelli introduce una nuova soluzione di sviluppo in mescola morbida, la specifica Y0446, che utilizza la stessa struttura della SC0 di gamma ma una mescola maggiormente orientata alle prestazioni in caso di temperature dell'asfalto particolarmente elevate. Altra novità è quella rappresentata dalla nuova SCX, ora in specifica Y0447, che rispetto alle soluzioni SCX utilizzate nei precedenti round dovrebbe garantire un grip decisamente maggiore rispetto alla SC0 pur mantenendo un buon chilometraggio.

Nel WorldSSP le soluzioni da asciutto a disposizione dei piloti saranno cinque, due anteriori e tre posteriori. Per l’anteriore ci saranno, come già ad Aragón ed Assen, la SC1 di gamma e la SC2 di sviluppo X0582 che rispetto alla SC2 di gamma offre un grip maggiore e un'usura più contenuta. Al posteriore due soluzioni in mescola morbida ed una in mescola media. Le soluzioni in mescola morbida sono rappresentate dalla SC0 di gamma del 2018 e dalla nuova SC0 di gamma 2019. A queste si affianca la SC1 di gamma che potrebbe essere utile in caso di asfalto sporco nelle prime sessioni o in caso dovessero esserci temperature particolarmente basse.

 - Archivio

torna all'elenco