Condividi su

Articoli - Archivio

24/06/2021
Per tutte le stagioni

Truck

 

A metà anno non sono soltanto i pneumatici estivi a tenere banco. Molte sono anche le novità su invernali e multistagionali, ugualmente suddivise in tutte le fasce del trasporto professionale: dai van ai grandi camion, dai loro rimorchi agli autobus

Massimo Condolo

Strana stagione, la primavera: dovrebbe raccogliere le novità dei pneumatici estivi ma per molti è anche l’occasione di presentare novità multistagionali o per la brutta stagione. Le novità di quest’anno sono state equamente suddivise tra buono e cattivo tempo, veicoli commerciali e industriali, modelli completamente nuovi ed estensioni di gamma. Ecco quali sono, settore per settore, i nuovi arrivi sul mercato. 

 

Tuttofare completamente nuovi

Il pneumatico per asse sterzante Dunlop SP346+ è un multiruolo che offre elevata aderenza su fondi bagnati (è marcato 3PMSF), elevato chilometraggio e bassa resistenza al rotolamento, tanto da rispondere anche alle esigenze dei veicoli elettrici. Pensato per i mezzi che non hanno un solo impiego ma alternano lavori urbani, regionali e su lunga distanza, introduce un nuovo battistrada con collegamenti di rinforzo nelle costolature (riducendone lo slittamento nelle frequenti sterzate) che garantisce robustezza e uniformità di pressione al suolo e bassa usura anche su fondi di guida difficili. Ha una fitta lamellatura con profilo a zig-zag per migliorare la trazione anche su fondi difficili e ha esordito con la misura 315/70 R22,5, la 315/60 è attesa entro fine anno. L’SP346+ è il complemento ideale per i complessi di veicoli equipaggiati con i pneumatici trattivi SP446 e quelli per rimorchio SP246. La novità Giti è invece il multiposizione e multistagionale 3PMSF Gam 831, disponibile nelle misure 315/80 e 13R 22,5: è stato completamente rinnovato per migliorare durata (aumentata del 15%) e la ricostruibilità, diminuendo nel contempo la resistenza al rotolamento. Sviluppato nel centro ricerca di Hannover, la nuova generazione del pneumatico dell’azienda indonesiana migliora anche la frenata sul bagnato. L’impronta a terra è stata ottimizzata rivedendo la costruzione della cintura; la nuova mescola ha aumentato la durata. Anche il Falken BI 856 è un pneumatico per trasporto regionale; grazie ai blocchi lamellati 3D offre robustezza ed elevata trazione anche con condizioni meteo difficili; è proposto nella misura 295/60 R22,5. Il GI 378, invernale sterzante e per rimorchio, è dedicato ai percorsi misti on/off road come quelli dei veicoli che riforniscono i cantieri e al trasporto a corto raggio; è a listino come 385/65, 425/65 e 445/65 R22,5. Il GI 388 (misura 13R 22,5) è un trattivo per mezzi cava-cantiere a trazione integrale, il GI368 proposto come 385/65 R22,5 è dedicato agli assi sterzanti e ai rimorchi. Per gli autobus urbani, Bridgestone lancia l’erede dell’apprezzatissimo U-AP 001: si chiama U-AP 002 ed è in vendita da aprile. Migliora del 9% la resistenza all’usura grazie alla nuova mescola a ad alto contenuto di silice e riduce quella al rotolamento (e quindi ai consumi) offrendo un’etichettatura in classe B per l’efficienza energetica. Il carico aumentato di 200 kg lo rende adatto anche agli autobus elettrici; ha la marcatura 3PMSF.

 

Le gamme si ampliano

Nel trasporto pesante spesso le gamme di pneumatici vengono lanciate con le misure più comuni, per poi ampliarsi durante la loro vita con le applicazioni meno richieste fino a completare l’offerta. Negli ultimi mesi sono arrivate sul mercato tre nuove misure dei Michelin X Multi Energy, pensati per il trasporto su strada statale per medie e brevi distanze, riscolpibili e ricostruibili: la multiposizione e la trattiva 315/80 R22,5. La gamma offre una bassa resistenza al rotolamento che le consente ogni 100 km di ridurre i consumi fino a 1,1 litri e contenere le emissioni di anidride carbonica di 2,84 kg. Utilizza òe tecnologie Michelin di punta come Infinicoil, il cavo d’acciaio continuo che avvolge la struttura del pneumatico, il battistrada Regenion, che scopre disegni con il progredire del consumo procede, i cavi d’acciaio ad alta resistenza Powercoil e il nuovo nylon di alta qualità Duracoil nella zona inferiore del pneumatico. Per Fulda sono invece i rimorchi i destinatari delle novità, con un’estensione della gamma Regiotonn 3 dedicata alle applicazioni con grande varietà di impiego, in particolare con condizioni atmosferiche variabili (e anche cattive, grazie alla marcatura 3PMSF) e fondi di media severità ma asfaltati: trasporti su lunghe distanze, regionali e urbani. La gamma si distingue per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Alla carcassa con buona ricostruibilità ed elevato potenziale chilometrico i Regiotonn 3 affiancano un disegno a cinque o sei costolature a seconda del modello e lamelle profonde. La mescola del battistrada è stata rivista con nuovi polimeri che diminuiscono la resistenza al rotolamento alla bassa usura e all’elevata resistenza allo sfregamento laterale. Le tre nuove misure sono le 435/50 R19,5, 385/65 e /55 R22,5. L’etichettatura è B sia per i consumi sia per l’aderenza sul bagnato. Falken, invece, amplia l’offerta relativa agli autobus con gli RI128 e RI151 nelle nuove misure da 17,5 e 22,5”. Estensione di gamma anche per gli invernali estremi Continental della terza generazione, i Conti Scandinavia che utilizzano una maggiore percentuale di gomma naturale per offrire flessibilità. Le nuove misure sono tutte relative alla misura di calettamento 22,5”. Il trattivo HD3 è disponibile anche come 295/80, 315/80, 315/70, 385/65 e 385/55; lo sterzante HS3 (che migliora la resa chilometrica del 10% e diminuisce i consumi del 5 rispetto alla generazione 2) nelle misure 295/80, 315/80 e 315/70, mentre quello per rimorchio HT3 sarà disponibile da giugno come 385/55 e /55.

 

Quando il gioco si fa leggero…

Tecnologicamente più vicine al pneumatico vettura che non a quello per veicoli industriali, anche le gomme per veicoli commerciali sono un segmento molto dinamico. Il Goodyear EfficientGrip Cargo 2 è il pneumatico estivo che succede all’omonimo modello della prima generazione puntando a una maggiore tenuta sul bagnato (riduce lo spazio di frenata dell’8% grazie alla nuova resina ad elevato grip utilizzata del battistrada) e a una maggiore durata del battistrada, che aumenta addirittura del 38%. È pensato soprattutto per i veicoli impiegati nelle consegne dell’ultimo miglio, settore in crescita dall’inizio della pandemia. L’offerta è composta da 23 misure dai 14 ai 17”, compatibili anche con le esigenze dei furgoni elettrici. Molte misure sono già in vendita; le rimanenti saranno sul mercato entro l’autunno. È fornito in primo impianto alla Volkswagen il primo pneumatico Giti con etichetta europea AA, il Synergy H2, che nella misura 215/55 R17 equipaggia la quinta generazione del Caddy. Nella gamma dell’azienda indonesiana sostituisce il Synergy E1 e il Premium H1, venduti in Europa sin dal lancio del marchio Giti. Progettato ad Hannover e testato in Inghilterra e Spagna, sfrutta la piattaforma tecnologica AdvanZtech. Nuovi rispetto alla prima generazione sono sia la mescola sia il disegno del battistrada, con sensibili miglioramenti della tenuta di strada e della resistenza all’aquaplaning. Da Yokohama, infine, arriva un multistagionale (genere non ancora molto diffuso in questo segmento). Si chiama BlueEarth Van Allseason RY61, che offre anche bassa resistenza al rotolamento e consumo regolare del battistrada. Le prestazioni in inverno sono garantite dal disegno delle lamelle laterali identiche a quelle dei pneumatici invernali, mentre i blocchi grandi al centro del disegno danno stabilità.

torna all'archivio