Condividi su

Pneurama Weekly

08/06/2021
Per il round WorldSBK di Misano, Pirelli porta nuove soluzioni: la SCX debutta in Supersport

Da venerdì 11 a domenica 13 giugno il Misano World Circuit Marco Simoncelli ospiterà il terzo round stagionale del Campionato Mondiale Motul Fim Superbike 2021 che Pirelli affronterà mettendo a disposizione dei piloti soluzioni già conosciute oltre a numerose nuove soluzioni per entrambe le classi WorldSBK e WorldSSP. Per quanto riguarda la WorldSBK le novità principali sono rappresentate dalla nuova SCX di sviluppo in specifica A0557 al posteriore e dalla nuova SC1 di sviluppo in specifica A0508 all’anteriore. Nella WorldSSP invece debutta la soluzione super morbida di gamma SCX nella misura 190/60 per la classe Supersport, che rispetto alla SC0 di gamma, è in grado di offrire più grip. Misano inoltre vedrà il debutto della Yamaha R3 bLU cRU European Cup 2021, il campionato monomarca nato per dare l’opportunità ai giovani piloti dai dodici ai venti anni di gareggiare in un contesto professionale. I piloti di questa classe potranno contare su pneumatici Pirelli Diablo Superbike Slick, gli stessi già utilizzati con successo in tutte le classi del Mondiale Superbike, nelle misure 110/70-17 in mescola SC1 all’anteriore e 140/70-17 in mescola SC1 al posteriore. Il Misano World Circuit Marco Simoncelli, progettato nel 1969, ha iniziato a ospitare competizioni sportive nel 1972 e nel corso degli anni è stato oggetto di svariati lavori di ammodernamento. Attualmente presenta un chilometraggio pari a 4226 metri, di cui 1850 di rettilinei con quello di arrivo lungo 510 metri, con 10 curve a destra e 6 a sinistra. Nel 2015 il circuito è stato completamente riasfaltato con una formulazione specifica dell’asfalto volta a contrastare gli effetti della salsedine e dell'umidità. L’asfalto piuttosto abrasivo e le alte temperature tipiche di quest’area che possono compromettere la precisione delle traiettorie e la pulizia nella guida lo rendono un tracciato abbastanza impegnativo per i pneumatici soprattutto per la presenza di curve destrorse che impongono alle gomme un elevato stress meccanico e termico sulla spalla impegnata.

 - Archivio

torna all'elenco