Condividi su

Articoli - Archivio

06/07/2015
LA PREMIAZIONE DELLA SODDISFAZIONE

Trofei Gipa

 

Gli ambìti riconoscimenti assegnati da Gipa Italia alle figure che si sono distinte nel mondo dell’automotive impreziosiscono la giornata inaugurale di Autopromotec 2015 

Duilio Damiani

 

 


Il binomio autopromotec – Trofei Gipa è diventato oramai una consuetudine per la rassegna bolognese. La sesta edizione della consegna dei premi riservati alle eccellenze italiane, riconosciute da parte della sezione nazionale del più autorevole istituto privato di ricerca del comparto automotive, GiPA Italia, è stata celebrata proprio in concomitanza con la giornata d’apertura della 26a Biennale Internazionale delle Attrezzature e dell’Aftermarket Automobilistico.

Tra gli studi settoriali e le analisi statistiche localizzate, realizzate nell’ambito dell’assistenza e dell’aftermarket a quattro ruote, sono emerse quelle che un’attenta lettura ha individuato come le aziende accreditate dalla maggiore soddisfazione da parte del cliente, alle quali il Groupement Inter Professionnel de l’Automobile – associazione fondata in Francia nel 1986 e operativa in 30 paesi, in grado di analizzare un campione rappresentante il 61% delle immatricolazioni globali – sin dal 1997 assegna con cadenza biennale un ambito riconoscimento, ovvero il Trofeo GiPA dell’Eccellenza.

 

Fotografia attuale

Espressione dell’attualità commerciale di un settore assai strategico e trainante per l’intera industria globale, il comparto automobilistico rispecchia i mutamenti della società stessa, esprimendo un’immagine ben focalizzata dell’odierno. In un periodo di profondi cambiamenti, come quello attuale, come si sta evolvendo il mercato dell’aftermarket automobilistico?

Gli studi di settore svolti da Gipa Italia dal 1992 al 2014, hanno evidenziato un sistematico invecchiamento della popolazione nazionale, e di conseguenza anche delle automobili circolanti. Oggi ci sono 60,8 milioni di abitanti, 5 milioni di giovani in meno, 25,3 milioni di famiglie e un parco auto di 31,5 milioni di autovetture (erano 30,5 milioni nel 2007), che effettuano sempre più controlli e riparazioni periodiche, segnando 54,9 milioni di ingressi in officina nell’ultimo anno, ripartiti tra officine meccaniche, gommisti, officina autorizzata e concessionarie. Le percorrenze non cambiano nel confronto temporale col recente passato, anche perché quasi l’80% delle vetture è concentrato nei centri urbani medio-piccoli, dove le alternative all’auto sono limitate.

È in quest’ottica che si stanno sviluppando le strutture destinate al settore, all’interno delle quali, suddivise per aree di competenza, emergono professionalità degne di nota.



Le eccelenze 2015

Ecco quindi i trofei, distinti nelle sette consuete categorie, che hanno visto rispettivamente assecondarsi sul palco di Bologna Fiere dirigenti e rappresentanti delle aziende che, secondo i risultati statistici raccolti nel corso del 2014, hanno riscosso il maggiore consenso rispetto i concorrenti.

Per quanto riguarda il massimo grado di soddisfazione nei riguardi delle reti OES (Original Equipment Services), con la motivazione “Per aver saputo soddisfare al meglio le attese degli automobilisti, per accoglienza, competenza, consigli e qualità dei lavori”, sono state premiate: per le reti generaliste, Toyota Motor Italia, rappresentata dal dott. Dario Pergolotti, district manager Toyota Motor Italia, mentre per le reti premium è emersa Mercedes Benz Italia, nella persona dell’ing. Benito De Filippis, direttore after sales Mercedes-Benz Cars Italy.

Seguono i riconoscimenti dedicati alle Strategie di Comunicazione: “Per il successo ottenuto nel promuovere il traffico in officina presso la propria rete con molte attività mirate, realizzate negli ultimi 24 mesi”, il Trofeo Gipa viene assegnato alla rete IAM (Indipendent After Market) di Robert Bosch Italia, rappresentata sul palco dall’ing. Alberto Bernini, regional director automotive aftermarket Southern Europe, affiancato dal dott. Olivier Pontreau, workshop concept manager automotive aftermarket Southern Europe.

Per “Il costruttore che negli ultimi 24 mesi ha saputo meglio interpretare l’invecchiamento del parco con un’offerta originale, chiara e semplice, avvalendosi di tutti i media: da quelli tradizionali (radio, carta) a quelli innovativi come il digital”, la premiazione vede protagonista la rete OES di Ford Italia, con l’ing. Enrico Ferroni, marketing manager Ford Service.

Per la categoria Strategia di sviluppo, sono tre i protagonisti dei riconoscimenti Gipa: “Per il coraggio di cambiare il corso degli eventi, tracciando una strada nuova con importanti investimenti realizzati in Italia”, viene premiata Metelli Spa per la componentistica IAM, alla presenza del dott. Sergio Metelli, direttore generale, il dott. Piergiorgio Metelli, amministratore unico, il dott. Renato Zerbini, business development, e il dott. Matteo Barcellandi, responsabile vendite e marketing aftermarket; la distribuzione IAM vede protagonista indiscussa Rhiag Group, “Per essere riusciti a realizzare una crescita armonica, cogliendo tutte le opportunità di sviluppo sia interne che esterne con una visione di lungo termine”, nella persona del CEO, il dott. Luca Zacchetti, mentre “Per essere riuscita a stimolare, sostenere e dare una struttura al settore in anni turbolenti e di crescita incerta, puntando su tutte le opportunità che offre un’associazione”, viene riconosciuto il ruolo determinante di ANFIA (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica), premiando il direttore dott. Gianmarco Giorda, assieme al dott. Paolo Vasone, coordinatore sezione Anfia-Aftermarket.

“Per l’idea innovativa di conciliare egregiamente il rispetto dell’ambiente, i contenuti tecnici e l’efficacia commerciale, a dimostrazione che si può gestire sempre meglio l’impatto ambientale della filiera Automotive”, il premio assegnato nell’ottica del miglior contributo all’ambiente viene riconosciuto a Sogefi Group, rappresentata dal general manager aftermarket, il dott. Andrea Taschini.

Il riconoscimento per il Dinamismo Commerciale “Per aver saputo guidare negli ultimi 24 mesi un gruppo sempre più numeroso di aziende autonome verso ragguardevoli traguardi comuni, fino a trasformare la meta”, lo conquista Groupauto Italia, con la consegna ai principali protagonisti del gruppo, i dott. Domenico De Vivo, Gianluca Canonico, Salvatore Chisari, Riccardo Califano, Luigi Di Maggio, Diego Belmonte, Simone Guidi.

Il Coup de Coeur, assegnato direttamente dal comitato di GiPA Italia, intende celebrare quegli uomini che si sono particolarmente distinti nel mondo dell’aftermarket, quest’anno perfettamente incarnato nella persona dell’ing. Francesco Caracciolo, “Per una vita spesa al servizio del service, con autorevolezza, serenità e compostezza”. Oggi consulente Unrae dopo essere stato per molti anni responsabile postvendita in Toyota, Caracciolo è profondo conoscitore del mondo dell’automotive in cui ha sempre lavorato.

Ha concluso questa acclamata premiazione il Trofeo della Stampa, assegnato in base alle votazioni espresse da una selezione di giornalisti appartenenti alle principali pubblicazioni di settore, e conferito alla dott.ssa
Maria Luisa Cosso, tra le prime donne italiane a guidare un’azienda, “Per l’impegno e i risultati conseguiti da un’imprenditrice italiana che continua a credere nella ricchezza culturale del proprio territorio e a prodigarsi per il prossimo”.

torna all'archivio