Condividi su

Articoli - Archivio

21/12/2017
L'INDUSTRIA AUTOMOTIVE MONDIALE LA DOMANDA DI AUTOVEICOLI

a cura di Anna Moretti Università Ca' Foscari Venezia, Italia - anna.moretti@unive.it Francesco Zirpoli Università Ca' Foscari Venezia, Italia - fzirpoli@unive.it

La domanda mondiale di autoveicoli* ha riguardato complessivamente 94,1mln di unità, con una crescita del 4,8% rispetto al 2015 e del 14,6% sul 2012. La crescita del mercato degli autoveicoli nel 2016 è stata sostenuta in particolare dalle vendite in: UE28/EFTA (+7%), Messico (+19%) e Cina (+14%). La domanda di autoveicoli in UE-EFTA, dopo anni di segni negativi, è in crescita dal 2014, mentre nel resto dell’Europa risulta ancora debole: -2,5% in Russia e -0,3% in Turchia; in recupero nel resto dell’Europa Orientale (+19%). Nei Paesi del Centro-Sud America, il mercato dopo la contrazione del 19% nel 2015, dovuta soprattutto al Brasile (-27%), nel 2016 registra un ulteriore calo (-10%). La domanda di autoveicoli nell’area Asia/Pacifico sale dell’8% e registra andamenti differenti a seconda dei mercati: Iran, Cina (il 30% della domanda globale) e India hanno risultati positivi, mentre Giappone e Corea del Sud risultano in leggero calo. L’intera area equivale al 50% della domanda globale, un’area che ospita il 60% della popolazione mondiale, con tassi di crescita economica del 6,7% per Cina e del 6,8% India (dati FMI, aprile 2017).

Dal 2007 al 2016 la domanda mondiale di autoveicoli è aumentata di oltre il 30%, (passando da 72mln di unità a 94) e si è modificata enormemente: i Paesi industrializzati e ‘motorizzati’, storicamente aree di produzione (UE15, USA/Canada e Giappone), hanno visto ridurre il peso dei loro mercati di 13 punti, passando da una quota del 57% al 44%, mentre i Paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina), la cui domanda è cresciuta del 118% rispetto al 2007, hanno raggiunto il 37% delle vendite mondiali, (era il 23% nel 2007).

In termini assoluti, nel 2016 la domanda di autoveicoli nei Paesi industrializzati (Europa Occidentale, USA, Canada e Giappone) ha raggiunto lo stesso volume di vendite del 2007, attorno a 41mln di autoveicoli, dopo il crollo negli anni 2009-11 a 33 mln. I Paesi dell’area BRIC, invece, hanno visto crescere la domanda fino al 2014, grazie soprattutto al mercato cinese e a quello indiano, mentre in Russia e Brasile le vendite sono in calo dal 2013. L’area BRIC nel 2016 è in recupero sulle vendite del 2015 (in diminuzione del 2% sui volumi del 2014) e con un incremento del 9,5% totalizza oltre 35mln di autoveicoli venduti. Nel resto del mondo la domanda di autoveicoli subisce una battuta d’arresto nel 2009, per poi crescere moderatamente fino al 2016, senza superare i 18mln di unità.

 

* Vetture + VCL + autocarri + autobus (elaborazioni ANFIA su dati OICA, Associazioni Nazionali di settore, Ward’s, Fourin).

torna all'archivio