Condividi su

Articoli - Archivio

02/01/2020
Il gommista diventa un consulente

Reti

 

La rete SuperService sperimenta a Milano il suo primo concept store dei pneumatici tra cambio gomme e consulenze personalizzate su servizi e nuovi trend della mobilità

Dino Collazzo

Il gommista sveste i panni da officina per indossare quelli del consulente. I cambiamenti del settore automotive spingono infatti i professionisti dell’assistenza ad aggiornarsi non solo sulle nuove tecnologie presenti sui veicoli, ma anche nell’accoglienza e nella capacità di fornire informazioni personalizzate ai clienti. Un’idea, quest’ultima, che ha spinto Goodyear e SuperService, la rete di oltre 300 rivenditori di pneumatici, a dar vita al loro primo concept store nella città di Milano. Inaugurato a inizio ottobre il punto vendita è stato realizzato grazie alla partnership con Qui Gomme, rivenditore affiliato da anni alla rete del marchio americano. Il negozio, separato dalla vera e propria officina, è stato pensato per accogliere i proprietari delle due e quattro ruote e fornirgli, oltre alla solita assistenza tecnica, anche informazioni utili a schiarirsi le idee su futuri acquisti di pneumatici e servizi. All’interno del punto vendita i clienti potranno accedere, tramite un supporto multimediale presente in negozio, alle offerte sui nuovi prodotti (esclusivamente pneumatici Goodyear, Dunlop, Fulda, Sava, Kelly), conoscere i servizi e le promozioni in corso e acquistare merchandising. In pratica, con questo esperimento, Goodyear ha pensato di promuovere una nuova esperienza d’acquisto, lontano da dove avvengono fisicamente il cambio gomme e i servizi di meccanica leggera. Il cliente infatti, dopo essere stato accompagnato nella scelta dei prodotti e dei servizi più idonei per le sue esigenze, potrà consegnare le chiavi all’addetto che si occuperà di trasferire la vettura nello spazio officina. Per Marco Prosdocimi, retail manager di Goodyear Tires Italia, questo modello di business, frutto di un’attenta analisi del mondo del retail, sta sostituendo il precedente modo di concepire il proprio lavoro nelle officine.

 

Come è nata l’idea di un concept store dei pneumatici?

“Ci siamo ispirati a un modello sviluppato da Goodyear negli Stati Uniti e lo abbiamo adattato alla realtà italiana. Il mondo del retail si è accorto della necessità di passare dalla vendita di prodotti alla vendita di esperienze. Per questo motivo, come Rete SuperService stiamo supportando i nostri aderenti nel processo di cambiamento così da diventare dei consulenti nei confronti dei loro clienti, includendo nella propria offerta sempre più servizi per l’auto, per valorizzare la loro professione e sviluppare il settore. A Milano, dove abbiamo deciso di inaugurare questo primo concept store, abbiamo collaborato con l’azienda Qui Gomme che nella sua ristrutturazione del punto vendita ha dato la sua disponibilità a sperimentare un nuovo modo di approcciarsi alla clientela”.

 

In cosa consiste?

“In pratica abbiamo creato uno store slegato, dal punto di vista dei luoghi, alla parte dell’officina in modo da creare una esperienza d’acquisto per l’utente finale completamente diversa. All’interno del negozio i clienti verranno accolti da personale qualificato che fornirà informazioni personalizzate su pneumatici e servizi rinviando a un secondo momento la fase operativa del lavoro dell’officina”.

 

Le persone acquistano sempre più online i pneumatici per i propri veicoli. Non rischiate di essere in controtendenza?

“Il nostro sforzo è portare il cliente da una esperienza online a una fisica. Infatti, tutta la nostra comunicazione utilizza sì il mondo digitale per fornire informazioni e dettagli sui prodotti ma poi cerca di indirizzare il cliente verso un’esperienza fisica e un modello d’acquisto differente. Il mondo dei pneumatici è uno dei pochi settori in cui la consulenza del rivenditore è rimasta un elemento importante e questo esperimento valorizza ancora di più il ruolo e la professionalità del rivenditore che è visto sempre più come un partner del cliente nella scelta del prodotto”.

 

Dove e quando pensate di aprire il secondo concept store?

“Questo esperimento è un esempio di rete che vuole innovare e provare strade alternative rispetto al business che è stato sviluppato fino a ora e per questo ha bisogno di tempo. Il 2020 sarà l’anno della sperimentazione limitata alla città di Milano dove analizzeremo l’impatto e il funzionamento di questo modello. Se alla fine dell’anno di test raggiungeremo i risultati fissati il passaggio successivo sarà la riproduttività del modello in altre città metropolitane italiane”.

 

 

SuperService

La Rete SuperService conta attualmente 302 rivenditori esperti in Italia e ha un giro d’affari di circa 130 milioni di euro, con volumi potenziali di oltre 1,5 milioni di pneumatici vettura e un’importante ricaduta occupazionale con oltre 1.500 addetti impiegati nei centri distribuiti su tutto il territorio nazionale.

 

 

Qui Gomme

“Aderire alla Rete SuperService mi ha consentito di entrare a far parte dell’universo Goodyear, e di beneficiare di una visione privilegiata sui cambiamenti in atto nel panorama della mobilità – dichiara Maurizio D’Anna, proprietario di Qui Gomme –. Gli spazi del locale sono stati progettati in totale condivisione con il team SuperService e la forte presenza del brand Goodyear mi permette oggi di accogliere i clienti in un ambiente rinnovato”.

torna all'archivio