Condividi su

Letto per voi - Archivio

06/09/2013
Il calcio inglese rivaluta il prato artificiale

La lega calcistica inglese sta riconsiderando l’introduzione dei prati artificiali negli stadi locali, dopo che la Football Association (federazione calcistica inglese) ne aveva bandito l’uso nel 1988 e la regola n. 1.29 della Premier League (la serie A inglese) afferma che nessuna partita di lega può essere disputata su prati artificiali. Fra i motivi che hanno portato al mutato atteggiamento delle autorità calcistiche inglesi sono i progressi tecnologici e i potenziali vantaggi economici (il prato può essere affittato, le spese di manutenzione sono basse e lo si può utilizzare per gli allenamenti) e per la comunità. I paesi che utilizzano prati artificiali sono Belgio, Francia, Galles, Irlanda del Nord, Italia, Paesi Bassi, Repubblica d’Irlanda, Russia, Scozia, Svizzera e altri paesi europei. 

Fonte: TYRE & RUBBER RECYCLING 2/2013

torna all'archivio