Condividi su

Articoli - Archivio

25/10/2012
INNOVAZIONE DI SOSTANZA

AUTOATTREZZATURE ESSEN

Dal Reifen dei record, manifestazione dove le aziende italiane del garage equipment sono di casa, una ventata di entusiasmo, tra novità grandi e piccole e i segnali di un’evoluzione che pure prosegue guardando soprattutto alla sostanza

Francesco Lojola

QUASI UN ANTIDOTO al clima pesante di un mercato continentale ripiegato su se stesso, il Salone biennale di Essen ha dispensato una salutare dose di ottimismo. Vuoi per i numeri che hanno fatto di Reifen 2012 l’edizione dei record, con oltre 19mila visitatori in arrivo da 130 paesi, ad affollare una rassegna animata da 653 espositori di 44 nazioni diverse; vuoi per le caratteristiche di una vetrina ampia e varia, specchio di una globalità che oggi più che mai riflette gli indirizzi dell’innovazione di settore. Un ottimismo che è parso accomunare l’industria delle autoattrezzature, validamente presente seppure con alcune defezioni di peso, e pure capace di esprimere, tra smontagomme, equilibratrici e assetti, degli acuti. Ecco allora la parola d’ordine dei costruttori di garage equipment: razionalizzare. Ovvero ottimizzare il portafoglio d’offerta in modo consono a una più elevata efficienza della produzione e soprattutto in maniera da accrescere la competitività nei segmenti più bassi della gamma.

Più upgrade
Quelli dove si concentra la gran parte del venduto: sia nel vecchio continente, sulla scorta di una crisi economica che suggerisce piedi di piombo, sia nei paesi dove la motorizzazione di massa è fenomeno assai più recente. E poi, al contempo, una maggiore aggressività generale sul fronte del rapporto qualità/prezzo. In definitiva, se il mercato non paga l’innovazione di prodotto, essa rallenta il proprio ritmo e lo sviluppo si focalizza inevitabilmente sui dettagli.
Ecco allora face lifting, soluzioni di opportunità e perfezionamenti, come i rinnovati utensili che alzano l’asticella dell’ergonomia e del corredo funzionale, per ridurre i tempi operativi e ampliare i servizi, la nuova release del software capace di accrescere l’“amichevolezza” dell’interfaccia uomo-macchina, i target tridimensionali per l’assetto che fa a meno delle compensazioni a spinta, il sistema di bloccaggio più economico applicato allo smontagomme truck per diminuire i costi e risparmiare spazio, il kit di upgrade subito pronto da montare per trasformare la macchina in un sistema di classe superiore. Ma c’è spazio anche per i contenuti di un’innovazione conclamata, quale è l’impiego di più telecamere ad alta risoluzione nel centro diagnosi per la scansione della ruota da bilanciare. Avanti, dunque, seppure a passo ridotto, consapevoli che chi si ferma è perduto. Sia perché il mercato si attende costantemente novità e indirizzi nell’evoluzione di prodotto dai principali player, categoria alla quale appartiene gran parte dell’industria italiana di settore.
Sia perché la concorrenza asiatica accelera di anno in anno: a proposito, in fiera un espositore su quattro parlava cinese; e proprio su Reifen China, che il 22 novembre apre i battenti a Shanghai per la sua quinta edizione, sono già pronti ad accendersi i riflettori. Torniamo però alla rassegna di Essen: qui di seguito una carrellata delle novità in vetrina e degli spunti più interessanti relativi alle aziende del comparto delle autoattrezzature. Il prossimo appuntamento con Reifen è programmato dal 27 al 30 maggio 2014.

 

Beissbarth
Lo smontagomme top di gamma MS 680 di Beissbarth, marchio del gruppo Bosch, vanta ora l’omologazione Wdk e la convalida di Bmw. Con una dotazione standard che comprende il sistema di bloccaggio ruota automatico, l’inverter, il braccio ausiliario, i kit per canale rovesciato e tubeless già accessoriato con distanziali, è prodotto in versione Oes; più avanti potrebbero essere lanciate configurazioni della macchina, leverless votata alle gomme Uhp e runflat, a marchio Bosch e Sicam. Seppure ormai da tempo sul mercato, nello stand ha tenuto banco anche l’assetto ruote Easy 3D, tra gli atout sono il limitato spazio richiesto e la relativa semplicità d’uso.

 

Butler
Contemporaneamente al via alle consegne, l’emiliana Butler ha esposto in fiera lo smontagomme senza leva Dragster SL, alla cui configurazione si può arrivare anche aggiornando l’omologa macchina convenzionale con un apposito kit. Dragster adotta un sistema di leveraggio che permette di smontare anche il tallone inferiore della gomma senza il braccio ausiliario; è comunque disponibile in opzione il trascinatore per spingitallone Plus 83. In vetrina anche lo smontagomme autocarro Navigator 26HW, per servizio mobile adatto a furgoni telonati o per piccole officine: munito di bloccaggio con mandrino idraulico, è utilizzabile anche su pneumatici agricoli.

 

Corghi
Novità assoluta, Remo (Robotic Equipment for Measuring by Optics) è l’assetto ruote Corghi di nuova generazione, totalmente touchless. Due robot che si muovono su binari paralleli al ponte su cui poggia il veicolo consentono non solo di eliminare le staffe ma permettono anche di operare in automatico un ciclo di misura in 85 secondi su ruote fino a 30” ribassate. I comandi all’unità centrale, che comunica con i due robot e visualizza i dati in tempo reale, possono essere lanciati via iPad e iPhone. Frutto di un investimento di 6 milioni di euro e del lavoro di una dozzina di ingegneri, Remo (www.remorevolution.com) sarà commercializzato il prossimo anno e ne è prevista anche una versione semplificata.

 

Fasep
Ultimi nati di casa Fasep, ecco la nuova equilibratrice digitale compatta B222, posizionata nel segmento d’ingresso, lo smontagomme automatico Rae.2022, con bloccaggio esterno a mandrino autocentrante da 22”, e lo smontagomme senza leva Rase.Top.2630, che si colloca al vertice della gamma. Quest’ultimo, munito di inverter e completo di sistema helper e sollevatore ruota, esegue lo stallonamento tramite due rulli opposti con un movimento automatico sincronizzato: tallone inferiore e superiore vengono smontati in successione. Il piattello di appoggio ruota è di tipo flottante con effetto autobloccante. Il campo di lavoro è compreso tra 10” e 26” ma può giungere a 30”.

 

Hunter
A Essen Hunter ha proposto HawkEye Elite Quick Check, sistema di prima accettazione, in grado di fornire la stampa con i dati di assetto rilevati nel confronto con i valori di fabbrica nell’arco di un minuto, e Road Force Touch GSP9700, centro diagnosi con touch screen capace di autocalibrazione e accreditato della massima semplicità d’uso. L’uno promette di aumentare la profittabilità del lavoro di officina, l’altro è munito di un sistema di bilanciamento e di verifica del centraggio proprietari, concepiti per accrescere velocità e precisione e si presenta con un’interfaccia intuitiva e con clip video che semplificano l’apprendimento. Entrambi sono distribuiti in Italia da Pogliani e Rivolta.

 

Ravaglioli
Novità principe di Ravaglioli per il 2012, il sistema di allineamento ruote Vistar TD3000 3D, disponibile in configurazione Nrc, con graffe in appoggio per evitare la compensazione del fuori centro, e Ats, con ricerca automatica dei target, nonché in versione standard con rilevatori precablati al ponte oppure a batterie per installazione fissa o mobile. La trasmissione dei dati alla consolle avviene via Bluetooth, mentre l’interfaccia grafica visualizza l’animazione tridimensionale con la sequenza delle operazioni da effettuare. Il software di gestione è in ambiente Windows, la banca dati contiene oltre 90mila schede tecniche ed è aggiornabile dall’utente, che può registrare in archivio fino a 20mila interventi con ricerca per nominativo o targa del veicolo.

 

Sicam
In attesa delle novità che dovrebbero essere disponibili a ottobre per rimpolpare la gamma delle equilibratrici (i modelli Sbm V660 A, Sbm 165 A e Sbm 135 A), Sicam ha proposto al Reifen un articolato aggiornamento software per il modello Sbm V760 Awp, capace di operare su tutti i tipi di ruota vettura, motociclo e trasporto leggero (da 12” a 30”), e disponibile anche nella versione con illuminatore. Aggiornamento relativo ai materiali impiegati, invece, per lo smontagomme Falco AL 526 Itr, concepito per lavorare su ruote di diametro sino a 29” e con larghezza massima di 14”; il miglioramento ha riguardato in particolare gli utensili, ora con peculiari caratteristiche di robustezza e rigidità.

 

Snap-on
In evidenza nello stand Snap-on l’equilibratrice e centro diagnosi Hofmann Geodyna Optima II, in vendita dall’inizio dell’anno e qui premiata col “Reifen Innovation Award 2012” nella categoria tecnologia e prodotti. Il sistema affida la scansione di pneumatico e cerchio a cinque telecamere ad alta risoluzione, di cui una mobile, che impiegano una tecnologia laser 3D. I difetti registrati sono evidenziati a video con l’ausilio di tabelle e codici colore. Novità in anteprima, sempre a marchio Hofmann, l’equilibratrice Geodyna 3900 e lo smontagomme Monty 8600, accanto agli omologhi siglati JohnBean B9655 e Centaur. La prima, accreditata di un ciclo di 6 secondi, è una macchina compatta che può diventare automatica grazie a uno Smart Sonar 3D opzionale, il secondo è un sistema per alta produttività, munito di un meccanismo elettronico di stallonamento a doppio disco servoassistito.

 

Teco
Entrato in gamma a fine gennaio, Teco 804 è un allineatore di tipo entry level. Dedicato all’assetto ruote di auto e veicoli commerciali leggeri, si tratta di un sistema con trasmissione dati all’unità centrale in radiofrequenza a 2,4GHz e sistema operativo Windows XP, munito di 4 rilevatori con 8 sensori Cmos che operano a infrarossi. Disponibile anche nella versione con 2 rilevatori, il prodotto è dotato di una banca dati principale con oltre 20mila modelli di vetture e furgoni e un archivio secondario in cui memorizzare gli interventi; il sistema offre anche la possibilità di personalizzare funzioni e display.

 

Werther International
Tre sono state le novità principali nella proposta di Werther International al Reifen, corrispondenti allo smontagomme automatico Gemini 1522LL, all’equilibratrice elettronica Galaxy 1255 e al ponte 2 colonne idraulico 210I/32, di tipo basico e specifico per vetture come Suv e grossi crossover. Munito di colonna a ribaltamento pneumatico di nuova generazione, lo smontagomme leverless Gemini 1522LL opera su cerchi da 10” a 23” con coperture vettura, moto e veicoli commerciali, compresi Rft, Emt, Pax, Crs e Dsst. Capace di autodiagnosi e autotaratura, Galaxy 1255 rileva automaticamente diametro e distanza della ruota e vanta 5 programmi Alu per l’equilibratura dinamica con pesi adesivi, 3 programmi di bilanciamento statico e 2 per gomme Pax.

torna all'archivio