Condividi su

Info dalle Associazioni - Archivio

29/08/2012
I primi mesi 2012 in chiaroscuro

Il Consiglio Direttivo Federpneus che si è riunito presso la sede Sociale il 21 giugno scorso, ha effettuato un’analisi sull’andamento del mercato nei primi mesi dell’anno 2012. I risultati sono stati caratterizzati da un’accentuata divaricazione nelle tendenze tra i comparti principali.
Per quanto riguarda il vettura infatti, nonostante la grave crisi economica che si è ripercossa pesantemente anche sui consumi di benzina e quindi sulle percorrenze, il mercato ha tenuto meglio di quanto si potesse temere. A fronte infatti di qualche punto percentuale di calo in alcune zone specialmente del meridione e delle isole e a macchia di leopardo al nord, se ne registrano altre in tenuta o in leggera ascesa. Peggiora invece il mix con una tendenza da parte della clientela a ricercare soluzioni economiche. Nelle aree non beneficiate dalle precipitazioni nevose o dalle ordinanze, si registra ancora una significativa presenza di pneumatici invernali a magazzino.
Per quanto riguarda il trasporto leggero, dopo un lungo periodo di contrazione si assiste a una inversione di tendenza con un incremento nei numeri del sell out.
Totalmente negativa invece la situazione dell’autocarro sia in termini di vendite che di solvibilità della clientela. In molte zone il calo si presenta molto severo, anche con ordini di grandezza del 40%. Al calo dei quantitativi è associata la difficoltà nel determinare la reale capacità finanziaria della clientela. Migliore la situazione del ricostruito, anche se i numeri sono complessivamente in calo anche a causa della carenza di carcasse. Critica la situazione del movimento terra in conseguenza della difficile congiuntura nel comparto dell’edilizia.

torna all'archivio