Condividi su

Info dalle Associazioni - Archivio

12/04/2011
Ecopneus e la gestione dei pfu

In attesa del decreto attuativo (non ancora uscito nel momento in cui andiamo in stampa) che darà il via in Italia al sistema di gestione dei pneumatici fuori uso sul territorio nazionale, uno dei principali protagonisti del sistema, Ecopneus, strutturerà e coordinerà una rete di raccolta, trasporto e stoccaggio dei pfu con l'obiettivo di eliminare le sacche di illegalità, aumentare la quota di recupero di materiale, offrire una gestione efficiente ed efficace.
Ecopneus dichiara che tutti i soggetti del "mercato del ricambio dei pneumatici" che, effettuando la loro sostituzione, generano pneumatici fuori uso (Cer 16.01.03), potranno beneficiare del servizio di prelievo dei pfu da parte dell'organizzazione senza oneri aggiuntivi, semplicemente iscrivendosi gratuitamente sul sito www.ecopneus.it.
Secondo Ecopneus, individuare tutti i punti di generazione del pneumatico fuori uso è un'operazione fondamentale per evitare la dispersione di questa risorsa. Intercettare i pfu generati, infatti, oltre a salvaguardare l'ambiente, permette alle aziende di trattamento di avere a disposizione una quantità maggiore di materiale da lavorare, consentendo anche la possibilità di sviluppare nuovi impieghi e applicazioni dei materiali derivati.
Anche le altre aziende della filiera dei pfu (produttori e importatori, aziende di demolizione, raccoglitori, trasportatori, frantumatori, valorizzatori), che vogliono avviare un rapporto di collaborazione ed entrare nel sistema Ecopneus, possono registrarsi gratuitamente sul sito internet della società consortile.

torna all'archivio