Condividi su

Articoli - Archivio

21/08/2019
Eccellente "trait d'union"

CEMB – M&B Engineering

 

Con la recente acquisizione di M&B Engineering, CEMB porta in casa la produzione di smontagomme

Nicoletta Ferrini

Un’unione costruita sulla condivisione di know-how e competenza, sul medesimo concetto di “qualità” in quanto valore cardine di un’offerta di prodotti innovativi ad alte prestazioni: si può riassumere così il senso della recente operazione finalizzata da CEMB, azienda specializzata nella produzione di macchine equilibratrici e sistemi di analisi delle vibrazioni. Lo scorso 2 Luglio, l’azienda di Mandello del Lario (Lecco) ha, infatti, annunciato ufficialmente l’acquisizione di M&B Engineering, importante realtà italiana del settore delle attrezzature per gommisti e autofficine. L’obiettivo dichiarato di CEMB è completare la propria gamma grazie all’inserimento nel proprio portafoglio di prodotti smontagomme progettati e realizzati internamente. Non una novità assoluta per CEMB che, fino all’inizio degli Anni ’80, progettava e commercializzava anche macchinari di questo tipo. L’attività venne allora accantonata per focalizzare maggiormente l’attenzione sulla produzione di attrezzature quali equilibratrici e assetti ruote.

La storia di CEMB inizia nel 1946 quando il fondatore, Luigi Buzzi, progetta la prima macchina equilibratrice: una soluzione d’avanguardia, coperta da brevetto. Nei tanti anni a seguire, l’azienda lombarda ha costruito il suo successo sull’analisi delle vibrazioni, realizzando inizialmente macchine equilibratrici industriali, per poi, nel 1952, aprirsi anche al settore automotive con una produzione di sistemi di equilibratura per le ruote di autoveicoli. Da oltre settant’anni, il core-business di CEMB è rappresentato da tutte le applicazioni che derivano dall’analisi delle vibrazioni. La divisione industria di CEMB progetta, produce ed esporta in tutto il mondo macchine equilibratrici orizzontali e verticali e realizza macchine dedicate ad alte prestazioni totalmente automatiche per il settore automobilistico, da inserire direttamente nelle linee di produzione. La divisione Garage produce, invece, macchine equilibratrici e allineamenti per ruote di motoveicoli, automobili e mezzi pesanti. La divisione Strumentazione, infine, realizza sensori di vibrazione e apparecchiature fisse e portatili per la misurazione e l’analisi delle vibrazioni, l’equilibratura in condizioni di servizio, il monitoraggio e il controllo delle vibrazioni per la protezione di grandi macchinari nel settore dell’energia e dell’impiantistica.

Grazie a continui investimenti in formazione, ma anche in ricerca e sviluppo, negli anni CEMB ha perfezionato e potenziato la propria tecnica di produzione, arrivando a essere oggi riconosciuta come un punto di riferimento nella progettazione e nella realizzazione di macchine equilibratrici per ogni tipo di applicazione. Sull’onda dei risultati positivi ottenuti in questo campo, CEMB ha sviluppato nel tempo una vasta gamma di assetti ruote tra cui l’innovativo assetto ruote senza contatto istantaneo Argos, lanciato nel 2014.

 

Un’offerta completa per i gommisti

Per anni, l’azienda lecchese ha dunque cercato di sviluppare una gamma quanto mai innovativa e completa di attrezzature pensate per l’attività di assistenza e manutenzione dei pneumatici. Nonostante la rinuncia, ormai quasi quarant’anni fa, ad avere una propria produzione interna di smontagomme, CEMB non ha in effetti mai smesso di presidiare questo specifico segmento di mercato, scegliendo di commercializzare, con il proprio marchio, prodotti altamente professionali realizzati da aziende terze. In questo modo, ha quindi comunque potuto garantire agli autoriparatori specializzati un’ampia offerta di prodotti marcati CEMB. Questa soluzione, seppure soddisfacente per la clientela, non ha però permesso di sfruttare appieno le economie di scala interne. Questa considerazione ha spinto dunque l’azienda di Mandello del Lario a effettuare un’inversione di marcia e a rivalutare ora l’opportunità di riportare “in casa” la produzione di attrezzature smontagomme. Il passo, come confermano i vertici aziendali, è stato visto come necessario per, da un lato, incrementare il business nel settore, dall’altro, per migliorare ulteriormente il servizio di assistenza e manutenzione reso al cliente, con una gestione più integrata ed efficiente anche per quel che riguarda la ricambistica, oltre che per ottimizzare i processi e i costi di produzione e raggiungere un livello di qualità ed efficienza totali.

In quest’ultimo senso, in particolare, CEMB ha trovato in M&B Engineering un partner prezioso. In quanto specialista del settore, l’azienda – fondata nel 2006 a Correggio (Reggio Emilia) da Franco Magnani e Dido Boni, per trent’anni alla guida di Sicam – consentirà  infatti a CEMB di realizzare internamente una gamma completa di smontagomme professionali. Tramite questa acquisizione CEMB guarda, dunque, ai bisogni dei propri clienti, attraverso lo sviluppo di importanti sinergie produttive, commerciali e strategiche. Le due eccellenze italiane uniscono le proprie forze, perfettamente complementari, permettendo così a CEMB di consolidare la propria posizione sul mercato delle attrezzature per gommisti e officine, e al marchio M&B Engineering di crescere avvalendosi delle economie di scala di CEMB. La competenza nel settore di M&B Engineering, unita all’esperienza nella progettazione e governance dei processi produttivi e commerciali di CEMB, permetterà alle due aziende di gestire al meglio le sfide future e soddisfare le esigenze di clienti e mercati, proponendo nuovi prodotti ad alte prestazioni, ma anche continuando a garantire un forte sviluppo tecnologico e un ottimo servizio.

La produzione dei nuovi smontagomme sarà localizzata nella sede di M&B Engineering, in provincia di Reggio Emilia, supportata dalla competenza di M&B e di un team di esperti selezionati da CEMB e dedicati allo sviluppo della nuova gamma di prodotti. Un primo frutto di questa felice unione è già stato mostrato al pubblico all’ultimo Autopromotec, salone biennale internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, che si è tenuto a Bologna dal 22 al 26 Maggio scorsi. Le due aziende stanno però già lavorando alla progettazione di altri modelli. Le intenzioni sono di continuare a mantenere e valorizzare sul mercato entrambi i due marchi, CEMB e M&B.

torna all'archivio