Condividi su

Vetrina tecnica

08/01/2019
Bosch

Bosch ha presentato a EICMA una serie di innovazioni dedicate al mondo delle due ruote. In base alle stime della ricerca Bosch sugli incidenti, i sistemi di assistenza basati su radar potrebbero evitare un incidente motociclistico su sette. Questi assistenti elettronici vigilano continuamente e, in caso di emergenza, reagiscono con maggiore prontezza rispetto al viaggiatore. La tecnologia su cui essi si fondano combina sensori radar, impianto frenante, gestione del motore e interfaccia uomo-macchina (HMI). Dotando le moto di un radar che capta la realtà esterna è possibile applicare le nuove funzioni di sicurezza e assistenza per le moto e ottenere la percezione accurata dello spazio intorno al veicolo.

Adaptive Cruise Control (ACC) è un sistema che regola la velocità del veicolo in base al flusso del traffico e mantiene la distanza di sicurezza necessaria. In questo modo si possono prevenire efficacemente i tamponamenti causati dalla guida a una distanza troppo ravvicinata al veicolo che precede. L’ACC non solo offre un comodo aiuto, ma consente anche ai motociclisti di concentrarsi di più sulla strada, in particolare nel traffico intenso.

Forward Collision Warning è un sistema di allarme di collisione per i motocicli per ridurre il rischio di tamponamento o per attenuarne le conseguenze. Il sistema si attiva all’accensione del veicolo e assiste il pilota nelle diverse modalità e velocità di guida. Se rileva che un altro veicolo è pericolosamente vicino e il motociclista non reagisce alla situazione, lo allerta con un segnale sonoro o visivo.

Blind Spot Detection è un sistema che copre l’intero campo visivo intorno alla moto per aiutare i motociclisti a cambiare corsia in modo sicuro. Un sensore radar funge da occhio elettronico del sistema di riconoscimento del punto cieco e rileva gli oggetti nei punti difficili da vedere. Ogni volta che un veicolo entra nel punto cieco del pilota, la tecnologia lo allerta tramite un segnale visivo, ad esempio nello specchietto retrovisore.

Bosch sviluppa la tecnologia Antilock Braking System (ABS) per le moto sin dal 1984. Adesso ha realizzato la versione più piccola e leggera con prestazioni ottimizzate per aumentare la sicurezza di guida per i motociclisti di tutte le regioni. Un numero sempre crescente di Paesi nel mondo, tra cui Unione Europea, Giappone, Taiwan e Brasile, stanno rendendo obbligatorio l’ABS per le moto o lo faranno nel prossimo futuro. Oggi, questo sistema di sicurezza non è solo rivolto ai motocicli, ma anche a una più ampia gamma di veicoli: dal powersport all’eBike. Bosch ha lanciato il primo sistema frenante antibloccaggio per eBike prodotto in serie del mercato. Grazie a un sistema intelligente e innovativo, sarà possibile prevenire il blocco della ruota anteriore della bicicletta e limitare il sollevamento della ruota posteriore. In questo modo si riduce lo spazio di frenata e il rischio di collisione e ribaltamento. Secondo i ricercatori specializzati, quasi un quarto degli incidenti che coinvolgono le biciclette elettriche potrebbe essere evitato con l’uso dell’ABS. Inoltre, potrebbe essere ulteriormente ridotto il numero di incidenti che comportano lesioni gravi. Entro la fine del 2018, l’ABS per eBike sarà disponibile in commercio su modelli selezionati. Per i veicoli powersport, Bosch ha sviluppato, in collaborazione con BRP, la prima applicazione al mondo dell’ABS su veicolo fuoristrada (ATV). I modelli BRP Outlander e Renegade usciti nel 2018 e 2019 sono dotati del sistema ABS Bosch.

 - Archivio

torna all'elenco