Condividi su

Pneurama Weekly

09/11/2018
Arriva Trackting, l'antifurto GPS con intelligenza artificiale che sorveglia la moto senza sosta

È stato presentato a EICMA 2018 Trackting, antifurto GPS di ultima generazione: dotato di intelligenza artificiale, con batteria ricaricabile interna che dura fino a 6 mesi, senza canone mensile, 100% made in Italy. Per controllare la moto ogni istante e rintracciarla con la massima precisione e tempestività.

Il progetto è di Claudio Carnevali, giovane imprenditore e fondatore di aziende innovative come Eikon e Iomote di cui è titolare. In Italia ogni giorno spariscono 112 moto: la metà vengono ritrovate, ma solo nelle prime 36 ore. La possibilità di recuperare la moto è legata quindi alla tempestività nel localizzarla. Nasce così Trackting, il primo antifurto GPS al mondo che sfrutta intelligentemente i consumi di batteria, per assicurare una lunghissima autonomia pur proteggendo la moto H24, 365 giorni all’anno.

Grazie all’apposito Tag wireless nel portachiavi (con codice univoco crittografato), l’antifurto entra in funzione automaticamente non appena il proprietario si allontana dalla moto. Se poi il veicolo viene maneggiato e spostato in sua assenza, tramite l’App mobile (per iPhone e Android) Trackting invia immediatamente l’allarme, “tracciando” in tempo reale la posizione della moto su una mappa e calcolandone direzione e velocità. Il rischio di falsi allarmi è zero: l’altissima precisione del sensore GPS (fino a 5 metri) garantisce la massima affidabilità.

La SIM integrata, in dotazione gratuitamente, non richiede alcun canone mensile e si connette in automatico al miglior operatore disponibile al momento sulla rete cellulare, garantendo una copertura totale (in Italia, ma anche in Europa con la versione estesa per l’estero).

Installazione e manutenzione di Trackting sono pratiche e intuitive tanto quanto il suo funzionamento. Invisibile e leggero, l’antifurto è custodito in un piccolo case “anonimo”, che può essere nascosto nel sottosella o nel bauletto. Per caricare la batteria è sufficiente collegarlo a un comune power-bank senza doverlo rimuovere.

Anche in caso di normale utilizzo, Trackting è un aiuto in più per ricordare dove si è parcheggiata la moto, grazie alle funzioni della App. Il tutto nel più assoluto rispetto della privacy perché il codice personale dell’utente è univoco e crittografato.

«Con Trackting abbiamo voluto realizzare non un semplice antifurto GPS ma il migliore possibile. Che, tradotto, significava ottenere due risultati fondamentali: un’autonomia così lunga da fartene quasi dimenticare e la libertà dal canone mensile. Sono queste caratteristiche il vero punto di svolta, ciò che differenzia il nostro prodotto da tutti gli altri antifurti della stessa fascia attualmente in commercio, spesso dalla discutibile qualità in termini di durata e precisione, perchè realizzati a basso costo all’estero - spiega Claudio Carnevali, CEO di Eikon Srl che produce l’innovativo antifurto - Trackting è il frutto di quello che ci piace definire artigianato digitale: una cura quasi maniacale del prodotto sotto ogni aspetto, dal pezzo finito alle componenti esperienziali. Con 15 anni di attività nell’elettronica connessa alle nostre spalle, strutturiamo l’esperienza digitale offerta dai nostri prodotti partendo dall’utente. Con Trackting abbiamo pensato al tipico “momento di panico” dopo aver subito il furto della propria moto, e di conseguenza ne abbiamo sviluppato le funzioni. Con un semplice click, ad esempio, parte la chiamata alla polizia, oppure si visualizza in tempo reale sulle mappe la posizione del veicolo o, ancora, la si condivide con i propri contatti tramite WhatsApp o social network».

 - Archivio

torna all'elenco