Condividi su

Pneurama Weekly - Archivio

21/05/2019
Aiutare il cambiamento: Assetto No Contact by Vamag

I programmi di accettazione in officina che coinvolgono attivamente l'automobilista con una breve diagnosi del veicolo incrementano la soddisfazione della clientela, ma soprattutto il potenziale business delle officine. Indispensabile a tale scopo è una diagnosi rapida e precisa del veicolo. Con un nuovo sistema di controllo preventivo dell'assetto eseguito in pochi secondi e un banco prova per la verifica contemporanea del funzionamento e dell'efficienza del sistema frenante, Vamag propone un programma di accettazione adatto a qualsiasi tipo di autofficina: da quelle autorizzate a quelle indipendenti, passando per gommisti e carrozzieri.

Tra le grandi novità dell’accettazione, non passerà inosservato il nuovo “No Contact”, assetto 3d senza contatto by Vamag, il nuovo assetto touchless che fornisce risultati precisi al posizionamento del veicolo tra i due rilevatori. Non è necessario applicare nessun tipo di adesivo, dispositivo di misura o componenti elettronici alle ruote, riducendo così notevolmente i tempi di intervento. La misura dell'assetto viene eseguita in un solo secondo.

Il sistema si compone di due unità di misurazione ad alta prestazione con fotocamere stereoscopiche Megapixel. Grazie a un innovativo sistema di riferimento, NoContact si aziona solo quando rileva la presenza dello pneumatico ed in un solo secondo effettua la scannerizzazione completa e precisa dell’assetto.

Inserito nell’innovativa e rivoluzionaria accettazione dinamica, il NoContact assume una rilevanza straordinaria rendendo assolutamente odierno ed attuabile il progetto “dell’officina connessa One Stop” della casa varesina.

 

Il futuro di Vamag, sembra finalmente tracciato ed è innegabile che rappresenti l’apertura a un mercato nuovo e potenzialmente enorme. Una scelta obbligata, si potrebbe obiettare. Oppure una mossa strategica: aspettare che altri lancino i loro prodotti, poi presentare l’interpretazione di Vamag, com’era successo già con l’assetto 3d, lo scanner battistrada ed altri prodotti.

Con il programma di accettazione in officina, Vamag offre già una linea di diagnosi di valore con controllo freni, ammortizzatori e battistrada che grazie al sistema OneStop, la rende la più rapida e completa del mercato. In combinazione con NoContact, questo programma viene ulteriormente perfezionato con possibilità di diagnosi supplementari, come la misurazione rapida e precisa dell’assetto ruote senza bisogno di un operatore, senza contatto o adesivi e bersagli. I risultati delle misurazioni e delle prove visualizzati in grafica 3d consentono all'officina di informare il cliente con chiarezza e di argomentare lavori di riparazione e manutenzione eventualmente necessari.

 

“Non è solo nei prodotti che si deve cercare l’anima di un’azienda, quanto nello spirito. Vamag – afferma G.F. Crosta, pgm di Vamag - è con orgoglio l’azienda tecnologica ed innovativa tra le più importanti del settore da quasi 40 anni, ma ciò che la differenzia dai concorrenti è la capacità di muoversi ancora come una startup, lascia ancora spazio alla fantasia, ha ancora nel suo Dna i geni della creatività e della scienza. La Vision ed i valori sui quali è stata fondata saranno sempre al centro della nostra azienda. Molte delle idee e dei progetti ai quali lavoriamo oggi sono partiti tantissimi anni fa, l’innovazione e la tecnologia restano al centro del nostro fare e del nostro pensare, tanto che nei prossimi mesi, nonostante le numerose innovazioni che presenteremo alla fiera Autopromotec di Bologna, continueremo ad investire con persone dedicate proprio sulla ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti e nuove tecnologie. Il nuovo assetto NoContact, le nuove accettazioni dinamiche, ma soprattutto l’integrazione dei vari macchinari con i software gestionali aziendali, così come la gestione e l’invio dei dati sono ormai un’esigenza fondamentale nelle officine”, continua Crosta. “Grazie alla nostra software house, abbiamo reso semplice e intuitivo lo strumento dell’accettazione dinamica, che diventerà un abile aiutante nell’organizzazione quotidiana del lavoro, un nuovo dipendente al servizio dei clienti che opererà silenziosamente all’ingresso della loro officina. Si fa un gran parlare di officine 4.0 ma nessuno ha ancora chiaro cosa sia e quali siano i veri vantaggi per il cliente nel dotarsi di tali strumenti, tanto da concludere le loro proposte generalmente apostrofando l’assenza di un mercato o di un mercato ancora non maturo per tale tecnologia. Noi siamo convinti di aver fatto un passo in più degli altri, e la possibilità di poter far parlare tutte le attrezzature presenti in accettazione con un linguaggio unico ed un unico software a gestire i dati rilevati dai singoli passaggi in accettazione, ci porta a credere che il futuro è già presente ed è già fruibile. Tutti dovrebbero passare a trovarci e dovrebbero provare e testare i nostri strumenti. In passato c’era chi definiva folli coloro chi volevano cambiare il mondo, noi non siamo in grado di cambiarlo, ma abbiamo gli strumenti che possono aiutare il cambiamento.”

 - Archivio

torna all'elenco