Condividi su

Pneurama Weekly

24/02/2016
Accadde oggi 24 Febbraio 1839. Il "felice evento fortuito" di Goodyear

Alcune scoperte arrivano grazie ad inaspettati ed insperati colpi di fortuna. È certamente il caso della vulcanizzazione, fenomeno su cui si basa l’Industria del pneumatico.

Era la sera del 24 Febbraio 1839, esattamente 177 anni fa. Mentre cercava una soluzione per rendere i lavorati in gomma derivati da caucciù più resistenti agli sbalzi di temperatura, per puro caso il chimico ed inventore americano Charles Goodyear si ritrovò la scoperta letteralmente tra le mani.

 

La leggenda vuole che quella sera la signora Goodyear sia rientrata anticipatamente nella modesta casa di Wolburn, in Massachussetts. Charles era perso dietro uno dei quegli “assurdi” esperimenti che la moglie tanto spesso gli rimproverava essere la causa delle disgrazie economiche della sua famiglia. Sentendo rincasare la donna e volendosi risparmiare l’ennesima sfuriata di lei, Charles Goodyear si affrettò quindi a nascondere nella stufa il preparato di caucciù e zolfo con cui stava lavorando. Più tardi Charles si ricordò della mistura nascosta ed andò ad esaminarla e… incredibile! Non era soltanto intatta nonostante l’alta temperatura cui era rimasta a lungo esposta. Era anche molto più resistente, ma allo stesso tempo flessibile ed impermeabile, quindi adatta alla preparazione di quei manufatti in gomma di cui Goodyear sognava di riempire il mondo.

 

E non c’è che dire, quel sogno sarebbe poi diventato realtà. Purtroppo però l’eccezionale scoperta non portò a Goodyear la meritata fortuna. Come uomo d’affari Charles non era infatti abile quanto come chimico. Faticò a presentare la sua scoperta, a farsi ascoltare, a trovare qualcuno che volesse investire nella sua idea e quando alla fine lo trovò, era troppo tardi. Il britannico Thomas Hancock– da anni alla ricerca di un analogo procedimento e a cui, tempo prima, pare che lo stesso Charles Goodyear avesse sottoposto la sua idea– nel 1844 aveva già ottenuto un brevetto a riguardo.

Il “felice evento fortuito” di quella sera del 24 Febbraio 1839, come sempre lo descrisse Charles Goodyear, concesse quindi al povero inventore di Wolburn poco più di una grande soddisfazione dopo anni di appassionate ricerche.

 - Archivio

torna all'elenco